• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Mar10222019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Attualità Tutte le Notizie Italia Treni a trazione eolica anche in Italia

Treni a trazione eolica anche in Italia

TrenoTav
E' la proposta dei piccoli comuni europei. Associazioni culturali aderiscono all'iniziativa. Caivano: "impariamo a guardare cosa fanno gli altri". 


"Le Ferrovie tedesche (Deutsche Bahn) puntano sull'energia eolica per alimentare una parte della flotta di treni ad alta velocita' (Ice). La Db sta per firmare un contratto con un parco eolico del Branbeburgo (Est), non lontano da Berlino, per la fornitura di 59 gigawatt/ora all'anno fino al 2020. La Deutsche Bahn gia' utilizza fonti rinnovabili per il 16% del proprio fabbisogno di energia, una quota che nei prossimi 20 anni dovrebbe aumentare al 30%. – Il ragionamento del Portavoce di Piccoli Comuni, Virgilio Caivano, ospite di una iniziativa sulla tratta ferroviaria Avellino-Rocchetta Sant'Antonio, sul fiume Ofanto - Perché l'Italia in tutto questo è completamene assente? – si chiede il Portavoce di Piccoli Comuni, Virgilio Caivano – Perchè il Mezzogiorno d'Italia, il protagonista vero nel Mediterraneo per le produzioni energetiche da fonti rinnovabili non deve riflettere su tutto questo? Anziché pensare al nucleare il Governo italiano e le Regioni guardino un pochino al resto del Mondo e semplicemente imparino a copiare, nulla di più".
 L'iniziativa lanciata dal Coordinamento Nazionale Piccoli Comuni Italiani sul tema: "Riformiamoci dal basso" trova l'adesione convinta di centinaia di cittadini e di associazioni culturali in tutto il Paese. Sono tantissime le mail che giungono al sito internet www.piccolicentrieuropei.com all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. . Particolarmente significativa la nota che arriva dall'Abruzzo e indirizzata al Portavoce di Piccoli Comuni, Virgilio Caivano, che pubblichiamo integralmente.
"Signor Virgilio Caivano, il nostro territorio, La Valle Subequana, è formata da sette piccoli comuni, col passare degli anni si sta avendo un crollo demografico, attualmente vi sono paesi che contano dai 200 - 400 abitanti noi temiamo che in pochi anni la nostra valle sarà destinata a morire. Per questo motivo abbiamo formato un Movimento per il Comune Unico Subequano, il Movimento che si è formato ha come progetto la fusione dei 7 comuni per poter arrivare a un solo comune, il Comune Unico Subequano. Vi è da dire però che già vi sono delle forti resistenze da parte dei Sindaci, lascio a Lei immaginare i motivi. Noi del Movimento con caparbietà e spirito di sacrificio vorremmo portare avanti il nostro progetto, Le chiedo se può attivarsi a darci un aiuto, ve ne saremmo grati.
In sintesi ho cercato di rappresentare il nostro problema, ma tante sono le cose da dire e se vi sarà occasione di poterci incontrare potremmo meglio chiarirLe i problemi del nostro territorio".
La saluto cordialmente, Berardino Musti
"La mail di Bernardino Musti è l'emblema del disagio dei cittadini che chiedono sempre di più attenzione e risposte concrete. La democrazia di questo tempo non è più misurabile dal numero dei consiglieri comunali o assessori. Questo è il tempo della democrazia dei servizi reali ai cittadini, alle imprese. La democrazia vera è legata alle opportunità che vengono offerte ai giovani per vincere la sfida del domani. Tutto questo pare sfuggire alla politica italiana che dimentica la sfida grande dei giovani e dei bambini in maniera particolare. La mia sfida – le conclusioni del leader di Piccoli Comuni – di una grande riforma dal basso, dai cittadini partirà proprio dalla Valle Subequano, dall'Abruzzo terra gentile e tosta".
Il Portavoce di Piccoli Comuni incontrerà a Roma 15 parlamentari per definire un percorso condiviso di sensibilizzazione sulla Costituente locale". Un modo nuovo di intendere la "civic culture" indispensabile per cambiare l'Italia.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna