• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Mer04262017

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Attualità Tutte le Notizie Italia Doppi incarichi. Scontro a distanza tra Caldoro e De Mita

Doppi incarichi. Scontro a distanza tra Caldoro e De Mita

Consiglio regionale Campania presieduto da Paolo Romano

Napoli - ''Stamani e' arrivata la notifica della decisione di De Mita - ha detto Caldoro all'ANSA - La valutazione sul da farsi e' prerogativa dei singoli. Quando e' toccato a me rimossi subito l'incompatibilita'''. A stretto giro di posta arriva la replica di Giuseppe De Mita indirizzata a Paolo Romano. "Desta non poca irritazione la Sua nota sia per le motivazioni giuridiche, sia per la noncuranza rispetto a mie precise dichiarazioni, sia per le inopportune allusioni a mancanza di correttezza". Inizia così la lettera a firma dell'onorevole Giuseppe De Mita, deputato dell'Udc, in

risposta alla nota del presidente del Consiglio Regionale della Campania, onorevole Paolo Romano, annunciata nei giorni scorsi dai mezzi d'informazione ed inviata solo questa mattina. La replica è indirizzata, inoltre, al presidente della giunta regionale della Campania, on. Stefano Caldoro.

"In primo luogo – si legge ancora nella lettera a firma di De Mita - ho desiderio di credere che ella sia, o possa venire, a conoscenza dei termini esatti del regime di incompatibilità del caso di specie e della circostanza che dal punto di vista strettamente formale essa non sia ancora operativa e dunque non vi sarebbe nessun obbligo di legge cui adeguarsi".

"In secondo luogo - continua De Mita – indipendentemente dalla precedente considerazione, ho già da tempo comunicato alla Presidenza della Camera, al Presidente della Giunta regionale e più volte a mezzi di informazione la mia opzione per la funzione di Deputato".

"Infine – così si chiude la nota - l'allusione a ragioni di correttezza amministrativa messe a rischio, nel mio caso del tutto inesistenti, è comunque sgradevole ed inaccettabile nell'ambito di una corretta relazione tra organi istituzionali, quali restano, nonostante tutto, Giunta e Consiglio".

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna