• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Lun01252021

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Città Tutte le Notizie Ariano Irpino Attualità Fazio: all'ospedale di Ariano saranno potenziati i servizi di pronto soccorso

Fazio: all'ospedale di Ariano saranno potenziati i servizi di pronto soccorso

ferruccio_fazio-ministro_salute_185x115
Ariano Irpino (AV) - Il Ministro della Salute Ferruccio Fazio arriva ad Ariano per rafforzare la tesi del sub Commissario Sergio Florio. L'impianto è sempre lo stesso: potenziare la prevenzione, creare punti di pronto soccorso efficienti e specializzare gli ospedali per le cure di lunga degenza. Non una una virgola in più o in meno rispetto a quanto detto fino ad ora. Unica novità la possibile introduzione di una proroga al divieto di turn over per le Regioni con la Sanità in deficit. La norma dovrebbe essere introdotta nel decreto in discussione in queste ore. Se dovesse essere recepita consentirà

la sostituzione delle posizioni apicali, come dire ad Ariano saranno salvi i primariati che potranno essere sostituiti. Nessuna novità per Bisaccia e Sant'Angelo dei Lombardi che vanno sempre più velocemente verso la riqualificazione. D'altra parte risulta difficile oggi definirli posti di Pronto Soccorso. Secondo Sergio Florio la novità sul turn over è "positiva se si chiude Bisaccia". Alla chiusura di quell'ospedale, infatti, si affida il reperimento del personale paramedico e medico per potenziare la struttura ospedaliera di Ariano Irpino. Un punto controverso che va inquadrato nelle sue molteplici sfaccettature. Da un lato la pubblica amministrazione che ritiene l'ospedale di Bisaccia inutile e dispendioso, dall'altra le popolazioni locali che temono di perdere un presidio sanitario sul territorio. In mezzo c'è la realtà dei fatti. Ad oggi se un malato si reca all'ospedale di Bisaccia per una sospetta frattura di un braccio, viene instradato verso l'ospedale di Sant'Angelo dei Lombardi dove gli vengono effettuate le radiofrafie. Qui, una volta accertata una rottura, gli viene ordinato di recarsi ad Ariano Irpino dove c'è la sala gessi. Questo è un modello di sanità efficiente? E se il caso riguardasse un codice rosso con necessità di intervento chirurgico d'urgenza? Sarebbe in grado la struttura di Bisaccia di salvargli la vita?. Il resto è populismo spicciolo che se fatto da politici è deprimente ma se è condiviso dall'informazione è pericoloso.