• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Dom11292020

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Città Tutte le Notizie Ariano Irpino Attualità SOPPRESSIONE TRIBUNALI. LUPARELLA (OUA) LODA L'INIZIATIVA DI HARAMBEE

SOPPRESSIONE TRIBUNALI. LUPARELLA (OUA) LODA L'INIZIATIVA DI HARAMBEE

marcello-luparella_185x115
ARIANO IRPINO (AV) - "L'associazione Harambee ha organizzato per il 1° agosto 2012 un corteo di protesta rispetto alla paventata, e purtroppo assai probabile, soppressione del Tribunale di Ariano Irpino - scrive Marcello Luparella -. Si tratta di un'iniziativa significativa, che invita tutti i cittadini a prendere coscienza, e far sentire la propria voce, contro un provvedimento legislativo fortemente penalizzante per il nostro territorio. Un segnale di forte attenzione e sensibilità dei giovani di Harambee, che si sono resi conto che la soppressione del Tribunale non riguarda soltanto gli addetti ai lavorii, ma danneggia pesantemente i cittadini, che si vedono privati del

sacrosanto diritto alla "giustizia di prossimità", ed impoverisce ulteriormente un territorio ed un'economia già depressa, e che negli ultimi tempi ha visto scomparire importanti realtà industriali, quale la Irisbus e le numerose fabbriche dell'indotto.

Naturalmente la protesta non riveste soltanto carattere locale, ma intende reagire contro una riforma insensata, che sopprimendo 1000 sedi giudiziali (tra Tribunali, Sezioni distaccate e Giudici di Pace) azzera di fatto il servizio giustizia per milioni di italiani, e quel che è peggio va ad intasare e paralizzare le già congestionate sedi "superstiti".

L'OUA, in persona del Presidente avv. Maurizio De Tilla e di tutti i 79 delegati, appoggia con forza l'iniziativa di Harambee, ed invita i cittadini del Circondario di Ariano Irpino a partecipare massicciamente alla manifestazione.

Sollecita altresì la partecipazione di tutti i politici irpini, impegnati in istituzioni e partiti di ogni livello ed orientamento, nella consapevolezza che il problema della salvaguardia del Tribunale è anzitutto un problema politico e sociale, sicchè è opportuno che chi riveste cariche istituzionali o di partito palesi apertamente la propria posizione e faccia partecipi i cittadini delle iniziative concrete che ha intrapreso e che intende intraprendere".