• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Ven12062019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Città Tutte le Notizie Avellino Politica Inquinamento dei fiumi. Maraia: lo avevo segnalato già nel 2004

Inquinamento dei fiumi. Maraia: lo avevo segnalato già nel 2004

giovanni maraia

Ariano Irpino (AV) - "Nel 2004 chiedevo all'ARPAC e alla Provincia di Avellino di accertare se i Comuni Irpini e i gestori dei depuratori civili ed industriali rispettavano quanto prescritto dal decreto legislativo 152/99 e chiedevo, in caso di accertate violazioni, di informare l'Autorita' Giudiziaria - scrive Giovanni Maraia di Ariano in Movimento -. L' ARPAC con nota 6385 di Dicembre 2004 rispondeva che "il Dipartimento

svolge, sul territorio provinciale, una costante attività di monitoraggio e controllo, sia delle acque dei principali corpi idrici superficiali che degli scarichi di reflui civili ed industriali". La Provincia di Avellino ugualmente mi informava che monitorava "di continuo, in collaborazione con l'ARPAC, la qualità dei reflui e l'efficienza dei depuratori". Nonostante detti costanti controlli (quasi mai attuati), a luglio 2007 scoppia l' inchiesta giudiziaria" Chernobyl", avviata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, che porta alla luce l'inquinamento, da fanghi di depurazione civile ed industriali, dei fiumi Calore e Sabato. Nel 2011 prende avvio da parte della Procura della Repubblica di Avellino l'indagine sulle acque dei fiumi Calore e Sabato, anche questa inchiesta nasce da un'operazione della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Oggi apprendiamo che le acque dei fiumi Calore e Sabato sono inquinate a causa della inefficienza dei depuratori comunali e quindi dei mancati controlli da parte dell'ARPAC e della Provincia di Avellino".
In precedenza , a Dicembre 2012 , la Procura della Repubblica di Ariano sequestra 16 depuratori comunali le cui acque inquinano i fiumi Calore e Ufita
Si comprende da se' che in Irpinia mancano i controlli sui fiumi da parte dell'ARPAC e della Provincia di Avellino , competenti per legge a tutelare le acque
Gli Enti Pubblici Irpini sono i primi inquinatori dei fiumi , con le acque dei depuratori inefficienti , pagati con i soldi degli utenti dell'Alto Calore
Complici di questo devastante inquinamento delle acque sono altri Enti Pubblici : la Provincia di Avellino e l'ARPAC
Giovanni Maraia Ariano in Movimento=

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna