• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Mer01272021

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Città Tutte le Notizie Avellino Cronaca Montecalvo. Inchiesta iva. La Procura chiude le indagini per 72 indagati

Montecalvo. Inchiesta iva. La Procura chiude le indagini per 72 indagati

ariano_palazzo_di_giustizia_185x115
MONTECALVO IRPINO (AV) - In queste ore sta circolando per Montecalvo un documento della Procura della Repubblica, nel quale ci sono tutti i nomi degli indagati. Dal documento manca la parte dei capi d'accusa e della notifica. Si tratta dell'avviso di conclusione indagini per l'inchiesta sui rimborsi iva. Secondo la Procura 72 cittadini di Montecalvo avrebbero presentato al Comune una domanda per un rimborso iva, erogato dalla Protezione Civile, in base ad una legge emanata per il terremoto dell'Umbria.

La legge prevedeva un rimborso del 20% a chiunque avesse effettuato dei lavori di adeguamento antisismico nelle zone classificate ad alto rischio, tra cui anche Montecalvo. Ma le condizioni di finanziamento si esaurirebbero qui. Infatti, sencondo gli inquirenti, nella maggior parte dei casi la documentazione che attesta il lavori eseguiti sarebbe falsa, oppure completamente mancante. Di questa vicenda se ne era già parlato negli anni scorsi quando furono emesse tre ordinanze di custodia cautelare in carcere ai danni di un geometra del Comune e di due liberi professionisti di Montecalvo. Al geometra comunale, coimputato con tutti gli altri 71 indagati, si contesta una falsa attestazione nelle sue funzioni di Pubblico Ufficiale. Le pratiche di rimborso, infatti, venivano finanziate dalla Protezione Civile ma l'istrutturia era a carico degli uffici comunali che ne verificavano i requisiti di ammissibilità. Tra i destinatari degli avvisi di chiusura indagini risultano anche due consiglieri comunali. Nel pieno rispetto della par condicio, uno di maggiornaza ed uno di minoranza. Ora gli indagati hanno 20 giorni per presentare eventuali memorie prima che il Gip decida sull'archiviazione o sul rinvio a giudizio. Nei mesi scorsi in paese era circolata voce che i procedimenti fossero stati archiviati, evidentemente così non era. I 72 avvisi recapitati in queste ore si aggiungono ad altri 19 notificati qualche mese fa. Potrebbero essercene altri in arrivo.