• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Sab08082020

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Città Tutte le Notizie Benevento Attualità Benevento. Sequestro discarica. E' scontro tra Boccalone e Provincia

Benevento. Sequestro discarica. E' scontro tra Boccalone e Provincia

Discarica_SantArcangelo_185x115.jpeg
BENEVENTO - E' scontro aperto tra il consigliere comunale di Benevento Nicola Boccalone e la Provincia sulla gestione della discarica di Sant'Arcangelo Trimonte. Ieri Boccalone aveva accusato la Provincia di incapacità di gestione della discarica, anche per il sequesto effettuato dalla Procura di Benevento. "La Provincia – affermava Boccalone in una nota - è trasparente per azione, invisibile ed impalpabile. Fragilità di pensiero e nullità di azione. Questo è il rapporto della Provincia di Cimitile che, dopo la normata provincializzazione

dei rifiuti, attraverso il suo nominato assessore Aceto e al quale si è aggiunto l'amministratore unico della Samte, affronta i problemi rinviandoli tutti al futuro. Il sequestro della discarica di Sant'Arcangelo Trimonte, operato dalla Procura di Benevento e che sembra stia passando tra l'indifferenza più totale, ne è la prova plastica e tangibile. Ricordiamo che discarica di Sant'Arcangelo dal primo gennaio 2010 è sotto la gestione diretta ed esclusiva della Provincia, che provvede attraverso la società provinciale Samte e di nessun altro". A Boccalone replica immediatamente Gianluca Aceto. «La violenta requisitoria dell'avvocato Nicola Boccalone appare strumentale e volgare, chiara espressione di un clima avvelenato e impazzito, anche a causa delle imminenti elezioni al comune di Benevento - scrive l'assessore all'ambiente della Giunta di Cimitile -. Altrimenti non si spiegherebbe l'attenzione di Boccalone per la discarica di Sant'Arcangelo Trimonte, della quale in passato non è importato granché. Non mi ricordo di sue presenze sul territorio, nemmeno nei momenti più delicati. E nemmeno, a dire il vero, quando furono decise la localizzazione e l'apertura del sito. Risibili appaiono le invettive contro la Provincia e la SAMTE che, contrariamente a quanto affermato dal Nostro, stanno facendo miracoli: parlo della difesa del territorio e della programmazione complessiva del ciclo rifiuti. L'insipienza politica e tecnica del Boccalone, del resto, è dimostrata dal fatto che egli nemmeno conosce l'esistenza del piano rifiuti. Vorrei spiegare a lui e a quanti, come lui, provano e proveranno a speculare sulla vicenda Sant'Arcangelo Trimonte, che un soggetto imprenditoriale ha bisogno di crescere senza fretta e limitando al minino gli inevitabili errori. Ed infatti, dal prossimo mese di giugno, la SAMTE gestirà direttamente lo STIR di Casalduni, avendo intanto provveduto ai lavori riguardanti la biostabilizzazione e la trasferenza dell'umido.

Ricordo a Boccalone, ancora, che la gestione della discarica di Sant'Arcangelo Trimonte, inclusi i lavori di messa in sicurezza, non sono stati una scelta della Provincia, ma un obbligo imposto dal Governo Berlusconi quando Boccalone ne era sostenitore territoriale. E infatti lui, all'epoca, era distrutto e non parlava. I lavori di messa in sicurezza costeranno circa 18 milioni di euro, ed è soltanto grazie all'opera della Provincia che ha consentito di 'trovare' ben 10 milioni, cosa che consentirà di non gravare ulteriormente sulle tasche dei cittadini sanniti l'operazione. Infatti, come dovrebbe essere noto anche allo stesso Boccalone tutti i costi della gestione dei rifiuti devono essere coperti dalla tassa.

Ciò detto, la cosa più importante non solo le oscenità verbali di Boccalone, ma la sicurezza dell'ambiente e dei cittadini. Con questo scopo fu istituita per Sant'Arcangelo Trimonte una Commissione di monitoraggio e controllo alla quale, guarda caso, si devono le azioni di sorveglianza e le indagini tomografiche in corso di svolgimento e le cui prima risultanze hanno indotto a modificare il piano di gestione della discarica, in attesa dei risultati conclusivi. In assoluta trasparenza, nelle scorse settimane, in Commissione era stata comunicata la decisione della SAMTE di chiudere il lotto 2 e conferire i soli rifiuti sanniti presso il lotto 1. Cosa confermata dalle prescrizioni del GIP del tribunale di Benevento. E non è un caso che la società e la Provincia hanno sempre assicurato massima collaborazione agli inquirenti, non avendo nulla da nascondere nel proprio operato né interessi particolaristici da tutelare.

Boccalone cerca spazio mediatico per esigenze elettorali: infatti nel capoluogo si vota a maggio; ma speculare su Sant'Arcangelo Trimonte è da irresponsabili. Il vero punto è come sia accaduto che qualcuno decidesse di aprire una discarica su un versante in frana. Boccalone si ponga questa domanda. Per la risposta non deve andare lontano: è sufficiente guardare attorno al tavolo politico e chiedere ai suoi nuovi compagni cordata».

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna