• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Dom08182019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Cronaca Tutte le Notizie Campania Rotondi. Rissa in un Pub, per paura dei boss giovane non denuncia lesioni

Rotondi. Rissa in un Pub, per paura dei boss giovane non denuncia lesioni

carabinieri_notturna_frontale_185x115
S. MARTINO V.C. (AV) - Nella mattinata di oggi, i carabinieri della Stazione di San Martino Valle Caudina hanno deferito in stato di libertà per i reati di rissa e lesioni personali 4 giovani del posto, 2 maggiorenni e 2 minorenni, responsabili di aver scatenato una furibonda rissa, dalla quale sono pure derivate delle lesioni personali a carico di un 20enne, sempre di San Matino Valle Caudina. La furibonda rissa, in realtà, non è accaduta a San Martino, bensì a Rotondi, sull'Appia, all'interno di un noto pub e discoteca, frequentatissimo tanto

dai giovani del posto che da altri provenienti dalla vicine realtà beneventane, napoletane e casertane. Il fatto, tra l'altro, risale allo scorso 19 dicembre, ma nessuno ne seppe mai nulla perché il 20enne rimasto contuso con una lesione all'occhio che i medici del Rummo di Benevento hanno giudicato guaribile addirittura con 30 giorni di prognosi, non ha mai inteso fare ricorso alle vie legali.
Ciò nondimeno, visto l'obbligo imposto dalla legge, i medici del nosocomio beneventano hanno comunque dovuto inviare ai carabinieri di San Martino il referto medico del giovane, da cui appariva palese la gravità della cosa. È così che sono partite le indagini, che in un paio di giorni hanno portato a scoprire la rissa verificatasi nella sera del 19 aprile.
Ricostruita la dinamica dei fatti, i carabinieri hanno ora identificato e denunciato in stato di libertà alle Procure della Repubblica presso il Tribunale di Avellino e presso il Tribunale per i minorenni di Napoli le 4 persone finora identificate, pure se non si esclude che ce ne fossero delle altre, rimaste però per ora ignote. E visto che i 2 minorenni denunciati, entrambi 17enni ma prossimi al raggiungimento della maggiore età, fanno parte della discendenza di due elementi di spicco del clan Pagnozzi, si capisce bene anche perché la vittima, nonostante l'importante lesione riportata, non abbia mai inteso sporgere denuncia e come, allo stesso modo, pare che nessun abbia mai visto nulla di quella furibonda rissa. Nonostante tutto ciò, comunque, i carabinieri sono riusciti a identificare gran parte degli autori della rissa. Anche nei confronti del pub-discoteca, spesso teatro di simili vicende, è stata proposta alla competente autorità amministrativa la sospensione della licenza.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna