• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Dom11172019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Cultura Tutte le Notizie Italia Torna il Lupo a Roseto Valfortore. Premio letterario dell'Appennino

Torna il Lupo a Roseto Valfortore. Premio letterario dell'Appennino

premio_lupo_pubblicazioni_185x115
ROSETO VALFORTORE – Il Premio Lupo compie 6 anni e si regala un'edizione "grandi numeri". L'organizzazione del concorso letterario che racconta i Monti Dauni è stata affidata all'associazione I Monti del Nibbio, con la direzione artistica a cura della Piccola Compagnia Impertinente. L'appuntamento è promosso da sette amministrazioni comunali (Roseto Valfortore, Alberona, Biccari, Bovino, Castelluccio Valmaggiore, Celle di San Vito e Faeto) in collaborazione con Provincia di Foggia e Assessorato alla Cultura della Regione Puglia.

Il bando di partecipazione è consultabile sul nuovo sito, http://www.premiolupo.com.
Nel 2011 il "Premio Lupo" cambia formula, raddoppia il numero delle sezioni in gara e si accinge a offrire tre giorni di eventi, aperitivi letterari e incontri con gli autori. L'ultima edizione è stata quella con più adesioni, con 104 opere a concorrere all'assegnazione dei premi: alla fine l'hanno spuntata Francesco Quitadamo per la sezione "Adulti" e Valentina Salvanio per gli Under 18. Nel 2009, invece, sugli 83 lavori presentati, i migliori erano stati quelli di Maricla Di Dio Morgano e Giulia Roverato. Complessivamente, nei primi cinque anni le giurie del "Premio Lupo" hanno valutato 327 racconti, un totale di circa 2 milioni di parole per raccontare i Monti Dauni, l'unicità e la magia di questo lembo di terra verde posto nel cuore della provincia foggiana. Il concorso ha registrato un successo crescente: al suo esordio, nel 2006, furono 37 i partecipanti, l'anno dopo 43 e quello successivo 60, nel 2009 (83) e nel 2010 (104) il premio non ha smesso di crescere. Il concorso ideato sei anni fa ha un duplice obiettivo: valorizzare il patrimonio di storia e cultura rappresentato dai comuni dei Monti Dauni; dare un'opportunità al talento. Le storie del "Lupo", i suoi racconti, hanno il pregio di navigare con le parole tra i colori e le onde emotive suscitate dal paesaggio umano e ambientale dei Monti Dauni. Il premio richiama la figura del lupo per i significati che essa rappresenta: l'immagine austera di un'animale che oggi recupera gli spazi da cui era stato scacciato. Allo stesso modo, le comunità dei Monti Dauni intendono riappropriarsi della propria storia. Il progetto prende vita dall'esigenza di una popolazione che avverte la necessità di un riscatto morale, culturale e sociale. I Monti Dauni sono un'area che conta 30 comuni (con Lucera), 140mila abitanti, oltre 500 tra chiese, siti d'interesse comunitario e musei etnografici, 8 paesi certificati con marchi di qualità turistico- ambientali. Insieme, i borghi dei Monti Dauni forniscono i due terzi dell'energia da fonti rinnovabili prodotta dall'intera Puglia. Un terzo del polmone verde pugliese è sulle alture dell'Appennino Dauno. I fiumi, i laghi, le riserve faunistiche dell'area rappresentano un unicum ambientale, un vero e proprio giacimento di biodiversità. E' qui che si trova il paese meno popoloso della Puglia, Celle di San Vito, che conta 186 abitanti. Ed è sempre qui la vetta più alta della regione, il Monte Cornacchia. In questo ampio fazzoletto di terra, pari al 10 per cento dell'intera superficie regionale, albergano le specie animali e vegetali più selvatiche e preziose: il lupo, il cinghiale, la volpe, il falco popolano aree boschive ricche di sorgenti, funghi, tartufi, erbe spontanee e officinali, un immenso patrimonio di ambiente e cultura.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna