• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Lun11182019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Politica

Politica

RIORDINO PROVINCE. PUGLIESE (GS) CONTRO SIBILIA (PDL): E' TARDIVO

marco_pugliese_depuutato_FDS_185x115ROMA - "Credo sia impensabile, in questo momento storico, cavalcare l'onda della pura demagogia per vivere di buona luce con l'opinione pubblica con una questione così delicata come il decreto legge avente ad oggetto: "Disposizioni urgenti in materia di Province e Città metropolitane", in quanto chi come il Presidente della Provincia di Avellino Cosimo Sibilia, nella sua "triplice" veste di "Presidente, Senatore, nonché coordinatore del PDL", oggi convoca una riunione presso l'amministrazione provinciale, mentre proprio al Senato è stata introdotta la modifica all'articolo 17, comma 4-bis, del

RIORDINO PROVINCE. DE MITA: VIESPOLI NON DICE LA VERITA'

de_mita_giuseppe_185x115Napoli – "A Viespoli sta venendo meno il terreno sotto i piedi. E tenta di metterla in rissa. E' un tentativo inutile. Non capisco nemmeno perché si senta attaccato da me. In questa vicenda non mi pare di avergli mai dato particolare considerazione. E comunque non cadrò in questa trappola". Così Giuseppe De Mita, vicepresidente della giunta regionale della Campania, in merito alla questione del riordino delle Province, ed in particolare alla vicenda del capoluogo della Provincia di Avellino così come viene ridisegnata dal provvedimento governativo licenziato mercoledì scorso dal Consiglio

RIORDINO PROVINCE. IANNACCONE: SI VADA VERSO SOLUZIONE DUALE

arturo_iannaccone_185x115ROMA - "Abbiamo sempre sostenuto che fosse utile un accorpamento delle province di Avellino e Benevento in modo da creare un'area interna vasta che potesse riequilibrare il napolicentrismo di cui soffre la regione Campania realizzando un'intesa sulle funzioni tra i due Comuni ed assegnando ad entrambi le funzioni di capoluogo." E' quanto dichiara Arturo Iannaccone Segretario Federale e Capogruppo a Montecitorio di Autonomia Sud.
"La Regione non ha saputo mediare - prosegue Iannaccone – ed il presidente della Provincia Sibilia e l'ex sindaco Galasso si sono impegnati in un'inutile

CIMITILE: BENEVENTO CAPOLUOGO NON CI BASTA

aniello_cimitile_pres_prov_benevento_185x115BENEVENTO - "La grave crisi economica che sta devastando il territorio sannita da almeno tre anni a questa parte avrebbe consigliato ben altri interventi da parte dello Stato a sostegno del territorio delle aree interne campane: ed, invece, lo Stato sopprime la Provincia di Benevento. A poco può servire al Sannio conservare il capoluogo della nuova Provincia Sannita-Irpina se esso si troverà nel deserto degli uffici pubblici, delle imprese private e dei servizi". E' quanto ha dichiarato oggi il presidente della Provincia di Benevento Aniello Cimitile nel corso della sua Allocuzione al Monumenti ai

RIORDINO PROVINCE. PETRACCA (UDC): TAVOLO ISTITUZIONALE PER SOLUZIONI RAZIONALI

MAURIZIO_PETRACCA_UDC_185X115Avellino – "Quella del riordino delle Province è questione estremamente seria e che non può essere affrontata in maniera sommaria, soprattutto per quanto riguarda la vicenda del capoluogo del nuovo perimetro della Provincia di Avellino che, alla luce del provvedimento licenziato ieri dal Consiglio dei Ministri, vede l'annessione del territorio dell'ormai ex Provincia di Benevento". E' questo il commento di Maurizio Petracca, segretario provinciale dell'Unione di Centro di Avellino. "La prima e più essenziale valutazione da fare – continua il segretario Petracca – è relativa all'impatto che questo

RIORDINO PROVINCE. BENEVENTO CONVOCA IL CONSIGLIO PROVINCIALE PER LA SOLUZIONE MOLISE

BENEVENTO_CONSIGLIO_PROVINCIALE_185X115BENEVENTO - Il presidente del Consiglio provinciale di Benevento Giuseppe Maria Maturo ha convocato l'Assemblea nella Sala Consiliare alla Rocca dei Rettori per il giorno 12 novembre 2012 alle ore 11.00. Oll'ordine del Giorno c'è la "Petizione popolare. Referendum sul distacco della Provincia di Benevento dalla Regione Campania e l'aggregazione alla Regione Molise. Provvedimenti". Non si ferma la polemica in città per l'accorpamento con Avellino. Una parte della classe dirigiente della città insiste sulla soluzione dell'annessione al Molise. Ma dall'altra parte l'idea non

RIORDINO PROVINCE. ARTURO IANNACCONE SI SCOPRE BARRICADERO

Arturo_Iannaccone_185x115Roma - "Solo in un Paese che ha perso la bussola può capitare che la provincia più piccola mangi quella più grande. Si vuole la rivolta e sicuramente accadrà." E' quanto dichiara Arturo Iannaccone Segretario Federale e Capogruppo a Montecitorio di Autonomia Sud. "Ma è assurdo che la Regione, il Comune e la Provincia di Avellino - prosegue Iannaccone – non abbiano approntato proposte razionali. Noi abbiamo votato contro il provvedimento di abolizione parziale delle province prevedendo che ci sarebbero state scelte sbagliate".

SCUOLA. IDV: C'E' BISOGNO DI INVESTIMENTI NON DI TAGLI PUNITIVI

lippiello_vincenzo_185x115AVELLINO - "L'Italia dei Valori e', senza se e senza ma, solidale con il mondo della scuola che in questo momento è assediata dalle norme punitive del ddl stabilita', dalla nuova diseguaglianza prospettata dal ddl Aprea e da innumerevoli tagli. Lo dichiara in una nota Vincenzo Lippiello, coordinatore provinciale di Italia dei Valori. "La scuola – afferma Lippiello -ha bisogno di investimenti e di stabilizzazioni dei docenti in graduatoria, non di nuove vessazioni". Quanto accaduto in Commissione Cultura –continua Lippiello- sui corsi di specializzazione per il personale docente in esubero ai fini del 

RIORDINO PROVINCE. NAPPI: SI AVVERA IL PROGETTO DI CALDORO

NAPPI_SERGIO_185X115NAPOLI - "La nascita della Provincia unica, scaturita dalla fusione tra Irpinia e Sannio, realizza l'idea del Presidente Caldoro avanzata quando la legge di 'spending review' non era ancora in programma. Ora, alla luce dell'accorpamento, resta ancora in piedi l'idea di una provincia duale". Lo afferma, in una nota, il consigliere regionale della Campania, Sergio Nappi. "Siamo convinti – prosegue Nappi - che intraprendere battaglie di retroguardia costituisca il modo peggiore per prendere atto della decisione assunta stamani dal Governo. Pertanto siamo dell'idea che occorra accogliere la nuova