• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Mar11192019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Politica

Politica

MILANO. DE MITA PARLA DEI BORGHI DELLE AREE INTERNE E DEL LORO FUTURO

de_mita_giuseppe_185x115MILANO - Il vicepresidente della giunta regionale della Campania con delega al Turismo e ai Beni Culturali, Giuseppe De Mita, è intervenuto alla tavola rotonda sul tema "Politiche territoriali. Scenari e Tendenze. Quale modello di intervento per i borghi e le aree interne?". L'incontro si inseriva nell'ambito del Made Expo – sezione Borghi & Centri Storici – in corso di svolgimento alla Fiera di Rho-Pero fino al 20 ottobre prossimo. Al convegno era presente il Ministro per la Coesione Territoriale, Fabrizio Barca. "Al centro della discussione che stiamo facendo – ha dichiarato il vicepresidente

RIORDINO PROVINCE. BENEVENTO PUNTA SU REFERENDUM PER MOLISANNIO

BENEVENTO_CONSIGLIO_PROVINCIALE_185X115BENEVENTO - Si è riunita presso la Rocca dei Rettori la I Commissione Consiliare Affari Istituzionali della Provincia di Benevento per discutere la richiesta di Consiglio provinciale avanzata dal Comitato "Salviamo il Sannio" per l'indizione di un referendum per il passaggio alla Regione Molise. Ai lavori è intervenuto il presidente della Provincia Aniello Cimitile il quale ha sollecitato la Commissione a portare al più presto la discussione all'attenzione del Consiglio provinciale. Hanno partecipato al dibattito: il vicepresidente del Consiglio provinciale Giuseppe Lamparelli, i consiglieri provinciali Aurelio Bettini, Paolo

LEGGE EDITORIA. IN VISTA SOSTEGNO BIENNALE PER INFORMAZIONE SUL WEB

EDITORIA_WEB_185X115ROMA - «Finalmente abbiamo compiuto un passo avanti sulla strada della riforma complessiva di un settore nevralgico per la nostra democrazia». Così il senatore del Partito Democratico Enzo De Luca sul via libera, qualche giorno fa al Senato, del decreto legge sull'editoria, che adesso passa alla Camera. «A distanza di trentuno anni dall'approvazione, con la legge 416 del 1981, della prima riforma del settore, questo testo - ddl 18 maggio 2012 n. 63 – getta le basi per un nuovo intervento, fondamentale per regolare il mercato dell'editoria, che ha subìto cambiamenti notevoli e che necessitava di

DECRETO ANTICORRUZIONE. DE LUCA (PD): "IMPORTANTE MA NON BASTA"

DE_LUCA_ENZO4_185X115ROMA - «Il disegno di legge cosiddetto anti-corruzione non può essere considerato esaustivo. Per come è strutturato, esso si configura certo come un intervento importante, ma parziale rispetto a quello che è il raggiungimento dell'obiettivo». Così il senatore del Partito democratico Enzo De Luca nel suo intervento, oggi in Aula al Senato, nel corso della discussione sul ddl anti-corruzione. «Su falso in bilancio e concussione – ha precisato il sen. – il ddl contiene disposizioni troppo blande e invece occorre maggiore coraggio, serve più determinazione. Così come sul voto di scambio che nel testo

VERTENZA IRISBUS. DE LUCA (PD): “GOVERNO FACCIA QUALCOSA PER I LAVORATORI!”

ENZO_DE_LUCA_SENATORE3_185X115
Il senatore del Partito democratico Enzo De Luca torna sulla questione Irisbus con una nuova interrogazione al Governo indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri ed al Ministro dello Sviluppo Economico.
In particolare, il senatore irpino chiede "quali provvedimenti siano stati previsti dal Presidente del Consiglio dei ministri e dal Ministro dello Sviluppo Economico per garantire ai lavoratori della Irisbus e alle loro famiglie una prospettiva di lavoro e dunque un futuro più stabili" e

ARIANO IN MOVIMENTO: CENTRI DI ASCOLTO PER I LAVORATORI SFRUTTATI

call-center_185X115ARIANO IRPINO (AV) - "Il Sud: l'ultimo girone dell'inferno - scrive il movimento politico -. La scoperta , da parte della Guardia di Finanza,di circa 300 giovani laureati e diplomati costretti a lavorare per due euro a ora e per 126 euro al mese in un call center, con contratto a progetto, mette in luce la sconvolgente miseria vissuta dalle giovani generazioni e il desolante panorama nel Meridione d'Italia. Una realtà immobilizzata, che è' divenuta ambito della disumanizzazione. Il modello lavorativo cinese, di completo sfruttamento, e' , ormai, ben radicato nel Sud Italia.

COMPENSAZIONE CREDITI. IANNACCONE (NPS NOI SUD): “IL GOVERNO PENALIZZA LE IMPRESE DEL SUD”.

Foto_Iannaccone
ROMA
- «Proprio ieri il Governo Monti ha annunciato un pacchetto di misure, articolato in quattro decreti, inteso a certificare e compensare i crediti, nonché a ridare liquidità alle aziende creditrici della Pubblica Amministrazione; ancora una volta, però, la natura antimeridionalista del Governo rischia di colpire al cuore le imprese meridionali, in quanto vengono esplicitamente escluse dall'ambito applicativo dei predetti decreti alcune regioni del Mezzogiorno».

GIOVANNI MARAIA: "CARO VENDOLA L'ACQUA E' MERCE DI SCAMBIO"

maraia_giovanni_ARIANO_IN_MOVIMENTO_185X115ARIANO IRPINO (AV) - "Non e' piu'il tempo, gentilissimo Presidente, dopo il successo del referendum sull'acqua del 2011, di continuare con le mistificazioni o con le logiche di opportunismo pragmatico. Definizione quest'ultima adoperata nei suoi riguardi da Riccardo Petrella (fondatore del Contratto mondiale dell'acqua) all'indomani delle sue dimissioni (nel 2006) da Presidente dell'Acquedotto Pugliese. Non e' più' sopportabile che lei e la sua parte politica continuino a ingannare la collettivita' promettendo la ripubblicizzazione dell'Acquedotto Pugliese e poi , di fatto, mantenendo in vita la società di capitali che gestisce

NIENTE CREDITI ALLE IMPRESE CAMPANE. INTERROGAZIONE DI DE LUCA (PD) AL GOVERNO.

ENZO_DE_LUCA_SENATORE3_185X115
«Modificare i provvedimenti assunti per garantire parità di condizioni a tutte le imprese che operano sul territorio nazionale».
È questa la richiesta che chiude l'interrogazione presentata dal senatore del Partito democratico Enzo De Luca, con altri senatori del Pd, al Presidente del Consiglio dei Ministri ed ai Ministri dell'Economia e delle Finanze e dello Sviluppo Economico.
La questione riguarda i ritardati pagamenti alle imprese sui quali il Governo è intervenuto negli ultimi giorni con misure che consentirebbero