• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Sab12142019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Politica Tutte le Notizie Campania ELEZIONI. SANTORO (CD): TRIBUNALI E GIUDICI DI PACE UNA PRIORITA'

ELEZIONI. SANTORO (CD): TRIBUNALI E GIUDICI DI PACE UNA PRIORITA'

santoro_pasqualino_in_consiglio_185x115
Ariano Irpino (AV) - Tribunali e Giudici di Pace una delle priorità per Pasqualino Santoro, candidato n° 4 del Centro Democratico al Senato della Repubblica per la Campania che interviene anche in merito ai magistrati in politica. "Chiederemo a gran voce la sospensione della iniqua norma che sopprime i Tribunali minori e al contempo riduce il numero dei Giudici di Pace. Lo faremo sia prima che dopo, se l'elettorato lo vorrà, con l'autorevolezza dell'elezione. Una riforma giudiziaria va fatta ma in maniera ragionata - afferma Santoro -. L'ultimo provvedimento del Ministro della

Giustizia che con la pubblicazione, sul Bollettino Ufficiale del 28 febbraio prossimo, dell'elenco dei Giudici di Pace soppressi, obbliga i comuni interessati a rifare l'incartamento per la richiesta del mantenimento dell'Ufficio, assumendone in proprio tutti i costi, mi sembra assurdo in questo momento visto che sono state sollevate le questioni di legittimità costituzionale della legge di riforma della geografia giudiziaria. Sono assolutamente d'accordo con l'OUA, bisogna bloccare la pubblicazione di questo elenco che ci priverebbe degli Uffici del Giudice i Pace di Grottaminarda, Mirabella Eclano, Castel Baronia, Calabritto, Calitri, Frigento, Lacedonia, Montella, Cervinara, Chiusano S. Domenico, Lauro e Montoro Superiore.

La giustizia rappresenta un momento di libertà e legalità per i territori e oggi veder sopprimere due Tribunali e 12 uffici del Giudice di Pace, così, senza aver ragionato sulla portata del provvedimento ma solo perché un Governo aveva necessità di fare immagine, di dare l'idea di operatività, perché in realtà non c'è alcuna sostanza, non c'è alcun risparmio, indigna.

Da arianese, da irpino, da persona che si sente già in qualche modo portatore delle istanze del territorio non posso dire altro che si tratta di una vergogna ed evidenziare ancora una volta come un Senatore, un Presidente della Provincia si sia lasciato sopprimere due Tribunali: Sant'Angelo ed Ariano e tutti questi Giudici di Pace.

La mia proposta è semplice. Al Senato si gioca una partita importante che si deciderà su pochi numeri, dunque se i cittadini mi sosterranno avrò buone possibilità di diventare un loro rappresentante. La prima cosa che io chiederò e farò inserire come emendamento in qualsiasi legge di stabilità, sarà quella della sospensione immediata dell'attuazione di questa norma in attesa che venga fatto un riordino serio dell'organizzazione dello Stato. Per risparmiare 50 milioni di euro in tre anni per l'intera riforma della giustizia il caro Monti ci ha chiuso i Tribunali mentre avrebbe potuto tagliare i finanziamenti ai partiti. I partiti prendono 500 milioni di euro di finanziamento pubblico. Invece si è pensato di eliminare con un colpo di spugna una serie di presidi di legalità, oltre alla nostra provincia immaginiamo luoghi come Santa Maria Capua Vetere, dove c'è la camorra, significa lasciare un territorio completamente in balia della malavita.

Io voglio fare una battaglia su questo accanto ai cittadini. Quanto sto affermando mi auguro possa diventare anche un momento di confronto con gli avvocati, con i magistrati, con le persone".

A proposito di magistratura Santoro ci tiene a precisare la sua posizione rispetto ai magistrati in politica:

"Si alle toghe che scendono in politica portando competenze e professionalità ma che rinuncino per sempre alla loro professione. Si alla ineleggibilità. I magistrati per preservare la propria credibilità e non essere soggetti ad attacchi di parte devono, così come succede per i sindaci, dimettersi almeno sei mesi prima. Altrimenti si espone tutta la categoria ed anche magistrati che lavorano quotidianamente sul campo, rischiando pure la vita, possono perdere di autorevolezza".

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna