• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Mer06032020

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Politica Tutte le Notizie Campania NIENTE CREDITI ALLE IMPRESE CAMPANE. INTERROGAZIONE DI DE LUCA (PD) AL GOVERNO.

NIENTE CREDITI ALLE IMPRESE CAMPANE. INTERROGAZIONE DI DE LUCA (PD) AL GOVERNO.

ENZO_DE_LUCA_SENATORE3_185X115


«Modificare i provvedimenti assunti per garantire parità di condizioni a tutte le imprese che operano sul territorio nazionale».
È questa la richiesta che chiude l'interrogazione presentata dal senatore del Partito democratico Enzo De Luca, con altri senatori del Pd, al Presidente del Consiglio dei Ministri ed ai Ministri dell'Economia e delle Finanze e dello Sviluppo Economico.
La questione riguarda i ritardati pagamenti alle imprese sui quali il Governo è intervenuto negli ultimi giorni con misure che consentirebbero

di sbloccare i crediti che le imprese vantano verso la Pubblica Amministrazione. «Ma dai provvedimenti assunti - fa notare De Luca - risulterebbe esclusa la Campania. Non possiamo accettarlo».
Di qui la decisione di interrogare il Governo, chiedendo, oltre alla modifica dei provvedimenti in questione, «se non ritenga - si legge nel testo - che l'indiscriminata estromissione sia un'insostenibile sottovalutazione della gravità della situazione socio-economica del Mezzogiorno, in quanto la prevalenza degli enti esclusi interessa proprio le aree del centro sud d'Italia». E ancora: «Se non ritenga che tale estromissione contribuirebbe in maniera determinante a danneggiare non solo il Mezzogiorno ma lo stesso tessuto economico produttivo nazionale, compromettendone irreparabilmente la ripresa e aumentando il divario che già esiste tra Nord e Sud, e vanificando nei fatti – togliendo con un mano ciò che dà con un'altra - le parziali misure già disposte dal governo per il Piano Sud».
«A seguito dei provvedimenti adottati dal governo - si precisa nell'interrogazione - la Campania risulterebbe tagliata fuori da questa misura che costituisce una straordinaria opportunità per lo sviluppo economico con l'ulteriore grave conseguenza di impedire e negare, a tutte quelle aziende che vantano crediti nei confronti dell'amministrazione regionale campana, la possibilità di trovare finalmente il giusto ristoro alle inadempienze della pubblica amministrazione. Tale esclusione, anche sotto il profilo della costituzionalità, appare una grave ed inammissibile discriminazione a danno delle imprese che operano in quelle aree del territorio nazionale, estromesse dai benefici delle misure di compensazione fiscale varate dal governo, che verrebbero in tal modo penalizzate rispetto a quelle che operano in zone diverse e che più di altre realtà hanno sofferto per le inadempienze della pubblica amministrazione».
Per De Luca ed i firmatari dell'interrogazione «le conseguenze di una estromissione di talune zone del Paese dai suddetti benefici fiscali avrebbero un devastante effetto domino sull'occupazione e su tutto il comparto economico-produttivo, le cui prospettive di crescita verrebbero completamente azzerate». Invece, «è necessario garantire maggiore liquidità alle imprese in condizioni di parità, riducendo non solo i tempi di pagamento della pubblica amministrazione, ma anche predisponendo misure dirette a supportare soprattutto quelle aree del Paese in maggiore difficoltà».

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna