• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Ven08232019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Speciali

Politica

Tavolo Irisbus. Reazioni. Gli operai più preoccupati per l'occupazione

roma_operai_irisbus_185x115Roma - La reazioni di un rappresentante degli operai raccolte a caldo. La delegazione dei dipendenti della Irisbus esce ancora più preoccupata sul proprio futuro lavorativo dal tavolo tecnico svolto al Ministero delle Attività Produttive.  - Videointervista - 

Irisbus. Manifestazione lavoratori Valle Ufita. La videocronaca della giornata

irisbus_operaio_con_maglietta_185x115ROMA - Circa 1000 persone hanno partecipato alla manifestazione indetta dai sindacati davanti al Ministero delle Attività Economiche. Sono i lavoratori della Irisbus Valle Ufita ed i loro famigliari. Chiedono che il Governo intervenga sulla vicenda della cessione dell'impianto in cui lavorano alla DR Group di Isernia. Dalla partenza a Flumeri alla conclusione del corteo. La videocronaca dell'intera giornata. Le contestazioni dei dimostranti all'on. Marco Pugliese di Forza del Sud.

Irisbus. Pugliese (fds): piena solidarietà ai lavoratori in sciopero. Il Governo risponda

marco_pugliese1_185x115ROMA - Dall'On. Pugliese giunge piena solidarietà ai lavoratori della "Irisbus" di Flumeri, in provincia di Avellino, che questa mattina hanno civilmente manifestato contro la dismissione dello stabilimento "Irisbus-Iveco" da parte del gruppo Fiat Industrial. L'Onorevole, ha incontrato il Ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani, il quale è a conoscenza del caso e dovrà ufficialmente rispondere all'interpellanza Parlamentare presentata qualche giorno fa a prima firma Pugliese – Fallica. Ricordiamo che nell'interpellanza, firmata da circa 50 Parlamentari, si chiede quali iniziative e provvedimenti il

90 bis.ultimati i lavori della bretella. Transito quasi regolare

montecalvo_bretella_90bis1_185x115Montecalvo Irpino (AV) – Quasi ultimati i lavori per la realizzazione della bretella sulla 90 bis all'altezza del ponte di Santo Spirito. L'opera temporanea, realizzata per buona parte sul Regio Tratturo Pescasseroli Candela, si è resa necessaria dopo un pericoloso cedimento che aveva indotto i tecnici dell'ANAS a chiudere un piccolo viadotto. Da marzo la strada è rimasta chiusa al traffico creando numerosi disagi alla popolazione residente ed agli automobilisti in transito dalla Puglia verso Benevento e l'alta Campania. Nelle scorse ore la bretella è stata praticamente ultimata con la realizzazione del

Irisbus. Di Pietro: il Governo convochi la FIAT per chiarimenti su Valle Ufita

Di_Pietro_Antonio-parlamentare_185x115ROMA - "La Fiat-Iveco ha comunicato la vendita dello stabilimento Irisbus di Valle Ufita (Avellino) alla societa' l'Italia spa di Isernia. In Valle Ufita lavorano in 700 e molti di piu' nell'indotto. Questa operazione e' simile a tante altre fatte dalla Fiat per liberarsi di centinaia di lavoratori, scaricando le responsabilita' su altri. E' incredibile tutto cio' che l'azienda torinese puo' permettersi nel nostro Paese. Mentre in tutta Europa si ricercano prodotti per il trasporto pubblico a minore impatto ambientale, infatti, la Fiat in Italia chiude l'unico stabilimento che produce autobus, potenziando cosi' i suoi stabilimenti in Francia e Repubblica Ceca".

Irisbus. Le ACLI di Avellino solidarizzano con gli operai in sciopero

flumeri_irisbus_operai_ai_cancelli_185x115AVELLINO - Le ACLI di Avellino esprimono piena solidarietà e sostegno ai lavoratori dell'Iribus e alle loro famiglie per la vertenza che interessa l'unica fabbrica di autobus in Italia presente in Valle Ufita. La presidenza provinciale delle ACLI ha sensibilizzato dirigenti e circoli territoriali per ogni efficace percorso di mobilitazione, accanto ai parroci del territorio ufitano e al Vescovo di Ariano mons. D'Alise. Le ACLI si sentono altresì impegnate, all'interno del movimento sindacale e come componente cristiana, parte attiva nell'impegno e nella partecipazione responsabile per la salvaguardia del

Irisbus. Oggi presidio degli operai davanti alla Prefettura. IDV ci sarà

flumeri_operai_irisbus1_185x115AVELLINO - Il coordinatore provinciale Vincenzo Lippiello e l'Italia dei Valori di Avellino si schierano al fianco dei lavoratori, delle famiglie e della gente della Valle Ufita per scongiurare la chiusura dello stabilimento dell'IRIBUS. "Una decisione assunta dai vertici del gruppo FIAT che - afferma Lippiello- sarebbe un colpo durissimo che metterebbe in ginocchio l'intero sistema socio-economico della zona e dell'intera irpinia, e che vedrebbe in frantumi le prospettive di tanti uomini e donne che in questi anni hanno dato tanto, dimostrando attaccamento al lavoro e senso di responsabilità verso l'azienda". 

Irisbus. Lo strano caso del socialismo democristiano. Si prospetta scontro generazionale

flumeri_operai_irisbus1_185x115FLUMERI (AV) - L'insediamento della Fiat Iveco in valle Ufita alla fine degli settanta fu salutato come il trapasso dalla civiltà contadina a quella industriale. Sponsorizzato dalla classe politica, era visto come il momento di riscatto della terra dell'osso. Oggi lo potremmo definire "lo strano caso del socialismo democristiano". Fu il tentativo di raggiungere la tanto agognata industrializzazione, senza rendersi conto che il momento storico ed il contesto erano paurosamente sbagliati. Da sempre, in una semplificazione, il modello socialista e quello occidentale si differenziavano sostanzialmente nelle

Irisbus. La questione valle Ufita arriva nel Consiglio Regionale

flumeri_irisbus_impianto_185x115NAPOLI - Un Consiglio regionale monotematico per il caso Irisbus. Lo ha chiesto con un ordine del giorno, che ha ottenuto ampia convergenza politico-istituzionale e approvato all'unanimità, il Consigliere regionale Ettore Zecchino a poche ore dalla sua partecipazione diretta al consiglio comunale congiunto dei Comuni della Valle dell'Ufita tenutosi nel pomeriggio di lunedì, nel contesto di un confronto ampio con i lavoratori e le forze sindacali interessati da questa nuova, delicatissima vertenza che rischia di privare l'Irpinia di un'altra fondamentale costola produttiva. Ettore Zecchino aveva già