• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Mar01212020

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Territori Tutte le Notizie Miscano Attualità JESSUP (USA). A RISCHIO CHIUSURA LA CHIESA FONDATA DAL REV. CAVALLETTI

JESSUP (USA). A RISCHIO CHIUSURA LA CHIESA FONDATA DAL REV. CAVALLETTI

chiesaj
clement_cavalletti
Montecalvo Irpino (AV) - Negli Stati Uniti, e precisamente in Pennsylvania, in quel di Jessup, la chiesa di "St. Mary's Assumption ", testimonianza e simbolo dell'aiuto spirituale e materiale prestato agli immigrati italiani degli inizi del XX secolo, a causa di una politica volta ad unificare più Chiese in un solo contesto parrocchiale, sta per chiudere. All'apparenza una notizia come tante se non fosse che il suo fondatore, il Rev. Clemente Cavalletti, è di Montecalvo Irpino (Av). Appurato questo, la notizia non è una delle tante, al contrario, è di straordinario interesse per i montecalvesi e per gli irpini tutti, credenti e non.
Un gruppo di cittadini statunitensi ha aperto una pagina Facebook, denominata " Save St. Mary's Assumption Church", allo scopo di lanciare accorati appelli a tutte le istituzioni affinché non svaniscano l'affetto ed il ricordo lasciati dal sacerdote montecalvese.Gli appelli sono giunti anche ai parenti del Rev. Cavalletti, qui a Montecalvo.
Il pro-nipote Cav. Giovanni Bosco Maria Cavalletti, scrittore e storico locale, ha preso a cuore la questione proponendosi, per quanto possibile, per la non chiusura della Chiesa a cui non solo la comunità cattolica di Jessup, ma anche tutte quelle di origine italiana lì residenti, sono tanto legate. La lettera che pubblichiamo, tradotta in inglese, tra l'altro, da un'altra pronipote del Rev. Cavalletti, la professoressa milanese Nadia Bovino, ne è testimonianza.
Invitiamo i nostri lettori, qualora condividessero l'iniziativa, a dare solidarietà ai parrocchinai americani di Saint Mary's Assumption, inviando un post alla pagina Save Saint Mary's Assumption Jessup Pa.


A Sua Eccellenza Reverendissima

S.E. Mons. Andrea MUGIONE

Arcivescovo Metropolita dell’Arcidiocesi di Benevento

Piazza Orsini, 27 -  82100 Benevento

 

E p.c.                                                            A Sua Eccellenza Reverendissima

S. E. Mons. Joseph Charles Bambera

Vescovo di Scranton

300 Wyoming Ave., Scranton, PA 18503-1279

 

A Sua Eccellenza  Reverendissima

S. E. Mons Charles Joseph Chaput

Arcivescovo Metropolita dell’Arcidiocesi di Philadelphia

222 North 17th Street, Philadelphia - Pa 19103-1299

 

A Sua Eminenza Reverendissima

S. E.  Signor Mauro cardinale Piacenza

Prefetto della Sacra Congregazione per il Clero

Palazzo delle Congregazioni - Piazza Pio XII, 3 - 00193 Roma

 

S. E. preg.mo Signore

S. E. Sig. Scotto dottor Luigi

Console Generale d’Italia

Consolato Generale d’Italia in Filadelfia

1026 Public Ledger Building – 150 South Independence Mall West – Philadelphia, PA 19106

 

alla Comunità cattolica della chiesa di Maria Santissima dell’Assunta

In Jessup PaU.S.A.

Presso la Signora Rella Scassellati
300 Grassy Island Avenue - Jessup, Pa. 18434 - U.S.A.

 

Oggetto: Chiesa e parrocchia di Maria Santissima dell’Assunta

516 3rd Ave, Jessup, PA.U.S.A.

 

Eccellenza Reverendissima,

sono Giovanni Bosco Maria Cavalletti, della parrocchia di San Pompilio Maria Pirrotti di Montecalvo Irpino, pronipote del reverendo Clemente Nicola Maria Cavalletti, di felice memoria (1864 – 1934).

Mi rivolgo alla Sua attenzione per farmi promotore di una petizione rivoltami da un gruppo di fedeli della cittadina di Jessup, diocesi di Scranton, suffraganea dell’arcidiocesi di  Filadelfia,   Stato di Pensilvania, Contea di Lachawanna, U.S.A., rappresentati dalla signora Rella  Scassellati, cittadina di Jessup, volta ad intercedere, presso le autorità ecclesiastiche competenti, perché venga evitata la paventata chiusura della chiesa parrocchiale di Maria Santissima dell’Assunta sita nella stessa città.  Il motivo per cui mi rivolgo alla Sua personale attenzione risiede nel fatto che la chiesa oggetto della petizione fu fondata, nel 1906, dal reverendo don Clemente Cavalletti, montecalvese della parrocchia di San Bartolomeo Apostolo (oggi parrocchia di San Pompilio Maria Pirrotti)  in Montecalvo Irpino, prete incardinato nell’arcidiocesi beneventana e missionario (1903–1934) negli Stati Uniti d’America, con patente concessagli dal Suo illustre predecessore l’arcivescovo Benedetto Bonazzi. La sua infaticabile opera di assistenza spirituale e materiale prestata alla comunità cattolica della Jessup degli inizi del XX secolo, iniziata con i buoni auspici di Papa Leone XIII, che amò Benevento, San Pompilio e Montecalvo, e che nell’anno giubilare del 1900 gli aveva impartito la benedizione apostolica con concessione dell’indulgenza plenaria in articulo mortis, non fu disgiunta dalla divulgazione dei culti tipici della chiesa beneventana, ancora oggi vivi nella diocesi americana di Scranton:  tra gli altri, quello al Sacro Cuore di Gesù di cui una delle prime novene al mondo proprio nella sua parrocchia di appartenenza aveva visto la luce, e di San Pompilio Maria Pirrotti, suo concittadino e autore della stessa novena, di cui una reliquia con certificato di autenticità, fu, come da volontà testamentaria del fondatore della chiesa, donata a S. E. Thomas Charles O'Reilly, terzo vescovo della cronotassi diocesana e, in successione, al  vescovo pro tempore della diocesi di Scranton. Storica fu, a tal proposito, la celebrazione, nella chiesa dell’Assunta in Jessup, della solennità relativa alla canonizzazione del beato Pompilio Maria Pirrotti avvenuta, per volontà ed opera del pontefice Pio XI, il 19 marzo del 1934.

La figura del fondatore,  tra le cui opere di carità a vantaggio dei cattolici statunitensi è da annoverarsi la fondazione di altre due chiese, e tra queste quella di San Giacomo in Jessup, oltre a quella parrocchiale di Maria Santissima dell’Assunta, e l’impianto di un sacro cimitero, è ancora oggi viva nella memoria collettiva della comunità locale. Non solo, ma ciò che più conta, ai fini della presente richiesta, è che il punto di riferimento, e il luogo fisico di incontro e racconto delle radici storiche, culturali e religiose del popolo cattolico di Jessup, ancora oggi, è la chiesa dell’Assunta da tutti i residenti riconosciuta come posto di aggregazione delle varie comunità di origine italiana. E’ bello il ricordare in proposito, eccellenza, come la comunità eugubina,   nell'esternare il suo amore per la terra d’origine, ha eletto la chiesa di Maria Santissima dell’Assunta  a luogo privilegiato  per la celebrazione della Santissima Eucaristia nel giorno della riproposizione in Jessup   della celebre corsa dei ceri, evento che il  15 maggio di ciascun anno fa della città di Gubbio uno dei maggiori centri del turismo culturale italiano. Quest’anno, per la prima volta, dal lontano 1909, allorchè  fu proprio il rev. Cavalletti a presiederla, e ciò fino al 1934, la celebrazione eucaristica   è stata presieduta dal  S. E.  il Vescovo di Scranton,  Mons. Joseph Charles Bambera.

Eccellenza, al di là delle buone ragioni che possano aver portato ad una razionalizzazione delle  parrocchie della diocesi di Scranton,   in considerazione della pressante richiesta dei fedeli, che vedono fiorente e beneficamente produttive la presenza e l’opera del parroco nel tempio di cui si discute, si chiede un intervento perché la Congregazione per il Clero possa operare affinché la storica, e ancora massimamente vitale, parrocchia di Maria Santissima dell’Assunta in Jessup, continui la sua missione  evangelizzatrice.  

Come pronipote del fondatore e come membro battezzato della chiesa beneventana, da cui nel lontano 1900 il tutto è partito, mi sento di cogliere l’appello dei cittadini di Jessup e trasmetterlo a Lei, sintesi e garante della nostra tradizione diocesana, diretto successore di chi, illuminato,  oltre un secolo fa accondiscese alla chiamata missionaria del rev. Cavalletti che, con l’orgoglio di appartenenza alla sua terra d’origine, con lettera del 2 ottobre 1929, indirizzata alla sorella in Montecalvo, ricordava  che la chiesa parrocchiale di Maria Santissima dell’Assunta in Jessup era stata consacrata, nel 1906, dal  vescovo di Scranton   (S. E. Michael John Hoban - 3 febbraio 1899 - 13 novembre 1926),  il  15 luglio detto anno, giorno della festa del nostro Beato Pompilio.

Con l’augurio che l’accoglimento di tale richiesta possa rappresentare, in quest’Anno dalla Santità di Papa Benedetto XVI dichiarato della fede,  un novello contributo evangelizzatore della nostra arcidiocesi, e chiedendo la Sua pastorale benedizione, La saluto con affetto filiale.

 

Montecalvo Irpino, 3 novembre 2012

 

Cav. Giovanni Bosco Maria Cavalletti

To His most Reverend Excellency

His Exellency Andrea MUGIONE

Metropolitan Archibishop

Archdicoese in Benevento

Piazza Orsini, 27

82100 Benevento

 

In Copy:             To His most Reverend Excellency

S. E. Mons. Joseph Charles Bambera

Bishop of Scranton

300 Wyoming Ave., Scranton, PA 18503-1279

 

To His most Reverend Excellency

S. E. Mons Charles Joseph Chaput

Metropolitan Archibishop in the archdiocese in Philadelphia

222 North 17th Street, Philadelphia -  Pa  19103-1299

 

To His Most Reverend Excellency

S. E.  Signor Mauro cardinale Piacenza

Prefetto della Sacra Congregazione per il Clero

Palazzo delle Congregazioni

Piazza Pio XII, 3 - 00193 Roma

S. E. Sir. Scotto DR Luigi

General Consul of Italy

General Consulate of Italy in Philadelphia

1026 Public Ledger Building – 150 South Independence Mall West – Philadelphia, PA 19106

 

 

Catholic Community of the Blessed Mary of the Assumption Church, In Jessup PaU.S.A.

Care of Mrs Rella Scassellati
300 Grassy Island Avenue
Jessup, Pa. 18434
U.S.A.

 

SUBJECT: Church and Parish of Blessed Mary of the Assumption

516 3rd Ave, Jessup, PA.U.S.A.

 

Most Reverend Excellency,

This is Giovanni Bosco Maria Cavalletti, from Saint Pompilio Maria Pirrotti Parish in Montecalvo Irpino, Reverend Clemente Nicola Maria Cavalletti's grandnephew , God rest His soul (1864 – 1934). I kindly address You in order to draw Your attention to a petition on behalf of a group of believers from the town of Jessup, Scranton diocese, suffraganship of the archdiocese in Philadelphia, Pennsylvania, Lachawanna County, U.S.A., represented by Mrs. Rella Scassellati, citizen of Jessup. Their petition is meant to avoid, with the help of the appropriate ecclesiastic authorities, the feared closing of the Parish Church Blessed Mary of the Assumption, located in the same town. The reason why I address Your personal attention is that the above mentioned Church was founded, in 1906, by Reverend Father Clemente Cavalletti, Montecalvese from the Saint Bartholomew Apostole Parish (today Saint Pompilio Maria Pirrotti parish) in Montecalvo Irpino, priest incardinated in the Benevento Archidiocese and missionary (1903 – 1934) in the U.S.A., with licence given to him by His illustrious predecessor, Archibishop Benedetto Bonazzi. His indefatigable activity of spiritual and material assistance addressed to the Catholic Community of Jessup in the beginning of the XX century, begun under the good omens of the Pope Lion XIII, who loved Benevento, Saint Pompilio and Montecalvo, and who, in the Jubilee Year 1900 had bestowed  the Apostolic Blessing on him with plenary indulgence in articulo mortis, was never disjoined  by the spreading of typical cults of the Church in Benevento, that are still alive today in the American Diocese of  Scranton.  Among them, we can mention the cult of the Sacred Heart of Jesus, whose light he had seen, in the Parish he belonged to, during one of the first Novenas in the world, as well as the cult of Saint Pompilio Maria Pirrotti, his fellow townsman and author of the same novena, of which, a holy relic with authenticity certification, was donated, according to the will of the Church founder, to S. E. Thomas Charles O'Reilly, the third Bishop of the diocese and then to the bishop pro tempore in the Diocese of Scranton. Apropos that, there was a historical celebration, in the Church of the Assumption in Jessup, of the Solemnity regarding the canonization of Blessed Pompilio Maria Pirrotti requested by Pope Pio XI, 19th March, 1934.

The figure of the founder, among whose charity works in favor of American Catholics we need to mention are his founding of two other churches, one of which is Saint James Church in Jessup, the Parish Church of Blessed Mary of the Assumption, and the setting of a sacred graveyard. His figure is still very much alive today within the collective memory of the local Community. Moreover, and more relevant to the present plea, the point of reference, as well as the place where the Catholic people in Jessup meet and find their historical and religious roots is still the Church of the Assumption, recognized as a meeting and aggregation place by the various communities sharing Italian origins.   Your Excellency, it is a pleasure to remember, by the way, that the Gubbio community, in order to express their love for their homeland, have chosen the Church Blessed Mary of the Assumption as privileged place to celebrate the Most Sacred Eucharist, on the day when Jessup people repropose the renowned race of the church candles, event that, every year, on the 15th of May, makes of Gubbio one of the main Italian tourism cultural centers. This year, for the first time since the far 1909, when Reverend Cavalletti himself headed it, until 1934, the Eucharist has been headed by  S. E.  Bishop of Scranton, Mons. Joseph Charles Bambera.  Your Excellence, despite the good reasons that surely suggested to rationalize the parishes in the Diocese of Scranton, considering the pressing request of the believers, who consider the presence and the work of the parson in the temple discussed  about as thriving and positively fruitful, we require Your aid, so that the Congregation for the Clergy may work to make it possible, for the historical and still highly vital Parish of Blessed Mary of the Assumption in Jessup, to continue its Evangelization Mission.  As grandnephew of the founder, and as a  member of the Church in Benevento, whence all started in the distant year 1900, I feel I must share in the plea with the citizens of Jessup and convey it to you, synthesis and guarantor of our diocesan tradition, and direct successor of the enlightened person who, more than a century ago, consented to the missionary call of Reverend Cavalletti who, with his proud sense of belonging to his home land, in a letter dated November 2nd, 1929, addressed to his sister in Montecalvo, remembered that the Parish Church of Blessed Mary in Jessup had been consecrated, in 1906, by the bishop of Scranton ( S. E. Michael John Hoban - 3rd February 1899 - 13th November 1926),  on July 15th that year, the day of our Blessed Pompilio celebration.

Hoping that the acceptance of the present request may represent, in the present Year, declared by His Holiness Pope Benedetto XVI, Year of the Faith, a new contribution in the evangelization work of our archdiocese, and begging Your pastoral blessing, my best regards with filial affection.

Montecalvo Irpino, 3rd November 2012

 

Cav. Giovanni Bosco Maria Cavalletti

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna