MONTECALVO. PASSO VERSO IL RISPARMIO ENERGETICO. IL NUOVO PIANO

pali_illuminazione_185x115
antonio_daddona_185x115
Montecalvo Irpino (AV) – Il Comune muove i primi passi verso il risparmio energetico e finanziario. L'Ufficio Tecnico Comunale ha pubblicato il bando di gara per la gestione integrata dell'impianto di illuminazione pubblica. Il servizio fino ad ora è stato gestito direttamente dal Comune con il bando lo si assegna a terzi, comprese la manutenzione ordinaria, la fornitura di energia elettrica, le attività connesse di riqualificazione e messa a norma, e l'adeguamento tecnologico. In pratica con la gara a procedura aperta il Comune affiderà ad una società terza la gestione della pubblica illuminazione. Si

tratta di un'operazione a costo zero per la collettività. Infatti l'adeguamento dell'impianto, ormai obsoleto, sarà totalmente a carico della società che si aggiudicherà la gara. Il provvedimento è stato preceduto da uno studio di fattibilità eseguito da una società energetica che ha indicato le linee guida per i nuovi impianti. "Si parte da una base d'asta che è pari all'attuale spesa annuale per l'energia elettrica – spiega l'assessore ai Lavori Pubblici Antonio D'Addona -. Adesso le ditte interessate dovranno farci pervenire le loro offerte migliorative comprensive dell'ammodernamento e della messa a norma. Presumibilmente riusciremo anche ad ottenere una riduzione della spesa annua". L'intera operazione si basa sull'ottimizzazione dei consumi. L'attuale rete di illuminazione pubblica, infatti, utilizza lampade ad alto consumo energetico e bassa resa. L'introduzione di lampioni a led, ad esempio, permette di tenere gli stessi livelli di illuminazione consumando sensibilmente in meno. Altro dispositivo interessante in tale ambito sono i lampioni a doppia lampadina. Se si fulmina la prima entra in azione la seconda e la lampadina fulminata viene segnalata al sistema di gestione. In tal modo si evita che dei pali restino senza lampadina e per la ditta che effettua la manutenzione si riesce ad ottimizzare il costo di gestione. In tal modo, infatti, la manutenzione può essere concentrata in alcuni giorni del mese, utilizzando a pieno risorse umane e mezzi.