• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Dom11292020

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Territori Tutte le Notizie Miscano Attualità Montecalvo. Vertenza dipendenti, udienza dal Giudice

Montecalvo. Vertenza dipendenti, udienza dal Giudice

comune_di_montecalvo_185x115
Montecalvo Irpino (AV)  – Presso il Tribunale c'è stata la prima udienza della vertenza che la CIGIL ha sollevato nei confronti dell'amministrazione Comunale di Montecalvo. L'organizzazione sindacale si è rivolta alle autorità giudicanti perché ritiene che, a seguito di una sentenza del Giudice del Lavoro, a Montecalvo non siano stati ripristinanti i normali rapporti sindacali. La CGIL sostiene che la sentenza del Giudice

ordinava di eliminare gli atti conseguenti al tavolo di concertazione per i quali non erano stati rispettati i tempi di convocazione, di fatto mettendo il sindacato in condizioni di non esercitare la propria funzione. Tra questi atti, la CGIL, ritiene che ci sia anche la delibera di riequilibrio di bilancio del maggio scorso. Un bel caso di competenze giuridiche perché l'amministrazione, dal canto suo, ritiene che la delibera di riequilibrio di bilancio non sia un atto "conseguente" del tavolo di concertazione, ma solo cronologicamente successivo. In sostanza il riequilibrio di bilancio è imposto dalla dichiarazione di dissesto finanziario che determina, tra le altre cose, il dover assoggettarsi ad una normativa che prevede un dipendente ogni 172 abitanti. Ciò quantifica la cifra che deve essere iscritta come "risparmio di bilancio" nella delibera di riequilibrio che, per tanto, ha una vita a sé stante dalla procedura di concertazione. Sarebbe, stata una mancanza di ottemperanza ad un obbligo di legge, invece sostiene l'amministrazione, il non aver iscritto la cifra nel bilancio di previsione. La corcertazione, dal canto suo, è semplicemente la procedura che serve a stabilire i criteri di riduzione del personale, riduzione imposta dalla normativa e non da un atto arbitrario dell'amministrazione comunale. D'altra parte la normativa parla chiaro: gli Enti che entro la data di legge non abbiano proceduto a votare le delibere di bilancio vanno sciolti immediatamente. Ed è proprio questo ultimo punto che spinge l'amministrazione ad ipotizzare che si stia tentando di fare un uso politico dell'attività sindacale. Intanto la sentenza è prevista per il prossimo primo marzo, entro il 20 la CGIL può presentare eventuali memorie, mentre l'Amministrazione Comunale di Montecalvo ha tempo fino al 25 febbraio per le controdeduzioni.