• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Dom11292020

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Territori Tutte le Notizie Miscano Attualità Montecalvo. Disponibilità dipendenti comunali, il primo febbraio si torna in Tribunale

Montecalvo. Disponibilità dipendenti comunali, il primo febbraio si torna in Tribunale

computer_e_operatore_185x115
Montecalvo Irpino (AV) – Il primo febbraio ci sarà la prima udienza per il ricorso presentato dalla CGIL al Tribunale del Lavoro di Ariano Irpino. L'organizzazione sindacale ritiene che l'amministrazione comunale perduri nell'atteggiamento antisindacale nella vicenda della messa in disponibilità di 12 dipendenti. Secondo la CGIL l'esecutivo non avrebbe applicato per intero la prima sentenza del Giudice. In sostanza

non avrebbe rimosso tutti gli atti derivanti dalla contrattazione della scorsa estate a cui la CGIL non aveva partecipato perché effettuata prima dei termini stabiliti per legge. La delibera additata dalla CGIL è quella del riequilibrio di bilancio che è fondamentale per il riassetto economico dell'ente ed è anche un documento contabile senza il quale c'è il decadimento del consiglio comunale. Dal canto suo l'amministrazione si dice tranquilla in quanto il riequilibrio di bilancio è un fatto che attiene la vita finanziaria dell'ente ed è un atto conseguenziale alla dichiarazione di dissesto finanziario. In sostanza la rideterminazione della pianta organica non è un fatto arbitrario dell'amministrazione, o se vogliamo un atto politicio, ma un semplice adeguamento al rispetto di una norma: quella che stabilisce per gli enti in dissesto il limite di un dipendente ogni 172 abitanti. Un atto dovuto quindi, non un fatto opinabile. Secondo gli amministratori l'unico elemento in discussione è la contrattazione che segue la concertazione. Quest'ultima è stata effettuato lo scorso dicembre con le convocazioni fatte nei termini alla quale hanno preso parte tutte le organizzazioni sindacali e abbandonata dalla CGIL per i motivi che l'hanno portata alla presentazione del ricorso al Tribunale del Lavoro. Intanto l'iter continua. Il ventuno gennaio era prevista la convocazione del tavolo di contrattazione per stabilire i criteri per la determinazione delle graduatorie per la messa in disponibilità. La riunione è stata rinviata e dovrebbe tenersi a breve.