• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Sab12052020

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Territori Tutte le Notizie Miscano Attualità La frazione Cesine di Montecalvo adotta Rosina,l'asinello mascotte

La frazione Cesine di Montecalvo adotta Rosina,l'asinello mascotte

palio_delle_contrade.jpg

Si chiama Rosina ed ha circa tre anni ed è diventata la mascotte di un'intera contrada. Ormai  tra le Cesine ed il Frascino non si parla che di lei e tutti fanno a gara per dare un contributo alla sua adozione. I cittadini  le fanno visita e qualcuno porta anche qualche dono. Rosina è un asinella pezzata che il prossimo anno correrà il Palio delle Contrade di Montecalvo  e difenderà i colori della contrada Cesine.

 

Le famiglie della zona si sono auto tassate di venti euro e l'hanno acquistata. Oggi Rosina è ospite nelle stalle di Nicola Serafino dove si prepara per la gara.

Adesso si è alla ricerca di un fantino e si sta cercando una forma per finanziare i suoi alimenti.

Potrebbe esserci un'ulteriore sottoscrizione nella contrada, ma sono già in molti quelli che stanno portando delle derrate alimentari per l'asinella. La zona infatti è a prevalenza agricola. Mancano diversi mesi al palio estivo ma già si lavora intensamente. Anche altre contrade di Montecalvo si stanno organizzando per adottare un asinello da far correre nel palio. L'idea è venuto al vulcanico assessore alle attività produttive ed alla promozione di Montecalvo:"L'asino è una figura che è sempre esistita nella tradizione del nostro comune - dice Nicola Serafino -ognuno di noi ricorda nella sua fanciullezza un asino. Allora ho pensato che sarebbe stato bello anche per creare unità tra gli abitanti della stessa zona adottarne uno." Il palio è una manifestazione organizzata dalla Pro Loco Montecalvo che l'anno scorso è stata realizzata per la prima volta ma che ha riscosso un ottimo successo di pubblico.

Dal Corriere dell' Irpinia del 14 Aprile 2008