• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Gio06042020

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Territori Tutte le Notizie Miscano Attualità MONTECALVO. DALLA ZONA ROSSA ALLA VERDE IRPINIA. I SINDACI CONTRO LA REGIONE

MONTECALVO. DALLA ZONA ROSSA ALLA VERDE IRPINIA. I SINDACI CONTRO LA REGIONE

montecalvo_panorama_comune_chisa_185x115
MONTECALVO IRPINO (AV)  - I comuni di Ariano Irpino, Casalbore, Greci, Montaguto, Montecalvo Irpino, Savignano Irpino Villanova del Battista e Zungoli fanno parte del Progetto Pilota "Dalla zona rossa alla verde Irpinia" per cui hanno beneficiato di un finanziamento pari a € 290.000 per ciascuno comune. Gli interventi previsti sono tutti in stato avanzato di attuazione con la logica conseguenza di dover provvedere al pagamento dei lavori eseguiti dalle imprese appaltatrici. Le Amministrazioni Comunali hanno inoltrato le richieste, con allegata documentazione tecnico-amministrativa, per

ottenere l'accredito dei fondi a suo tempo impegnati dalla Regione Campania. Nonostante i numerosi solleciti le richieste di accreditamento non sono state evase dalla Regione. "L'ingiustificabile ritardo da parte della Regione mette a rischio la realizzazione di un progetto di grande valenza in quanto diretto ad integrare aree diverse della Regione – dice Carlo Pizzillo, sindaco di Montecalvo comune Capofila -, destabilizza la tenuta economica delle piccole imprese appaltatrici dei lavori che, in considerazione della grave situazione economica che incide pesantemente anche nel settore dell'edilizia, non possono far fronte agli impegni assunti con il personale dipendente ed i fornitori. Tale situazione sta provocando in alcuni casi la presentazioni di diffide e mosse in mora, prodromiche di azioni giudiziarie, ed in altre la sospensione dei lavori non avendo le imprese la certezza dei pagamenti. Il silenzio tenuto dalla Regione Campania viola il principio di correttezza che regola i rapporti tra enti aventi dignità costituzionale e dimostra l'arroganza con la quale la Regione gestisce i rapporti con i Comuni ritenuti indegni di avere una risposta che giustificasse i ritardi nella erogazione dei fondi".

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna