• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Dom12152019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Territori Tutte le Notizie Miscano Cultura CULTURA. I CANTI TRADIZIONALI DI ANNUNZIATA DE FURIA

CULTURA. I CANTI TRADIZIONALI DI ANNUNZIATA DE FURIA

annunziata
Trento - Gli amici di Montecalvo Irpino (Av), Franco Cardinale e Antonio Cardillo, hanno registrato con videocamera, nei giorni di fine 2011, quella che si può definire una "compilation", anche se improvvisata, con Annunziaza De Furia. Annunziata ha una voce straordinaria, chiara, forte e arcaica, di una violenza rimbombante, degna delle migliori voci della protesta femminile.(VIDEO)
Riassume in sé le violenze sociali subite dalla classe subalterna e, da donna, prima come figlia e poi come moglie nel patriarcato contadino, e le esterna con piglio volitivo e rabbioso, che non possono non destare meraviglia in quest'epoca sdolcinata e consumistica. E quelle parole, che, in alcuni canti, sono le "volgarità" che nessuno in paese avrebbe cantato o canterebbe, qui vanno accettate, perché sono specchio ed evidenza di violenze per lungo tempo subite e sottaciute.
Questa è la scheda che preparai per lei, tra la mia ventina di informatori del paese, dopo le registrazioni che feci con lei nell'estate 2006: Annunziata De Furia (Falòva), contadina, nata a Montecalvo nel 1932; registrati alcuni canti in duetto con la sua comare Francesca Albarella, contadina nata nel 1931. Un canto, "Lèviti veli e fiori", l'invito alla sposa a spogliarsi, è lo stesso che registrò a Montecalvo nel 1954 o 1955 l'americano Alan Lomax, poi archiviato presso l'Accademia di S. Cecilia a Roma.
In una trasmissione di Rai 1 "La vita in diretta" del 2000, che si occupò del serial killer montecalvese, che aveva ammazzato due donne anziane del paese, l'inviato, il giornalista Geo Gnocchetti, intervistò Annunziata, che mostrò la sua arma di difesa, una roncola (pitatùru), contro il potenziale serial killer qualora si fosse presentato a casa sua, e la chiamò "Nonna Rambo". Il serial killer, tale Lécca-lécca, che era stato arrestato dopo il primo omicidio e assolto, fu catturato dopo il secondo omicidio e condannato. Registrati in tot. 28 canti – di cui 1 pettegolo, 7 sacri, alcuni d'amore, alcune ballate, 2 militari.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna