• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Gio10172019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Territori Tutte le Notizie Miscano Cultura LA " TARANTELLA MONTECALVESE" ED I SUOI EQUIVOCI

LA " TARANTELLA MONTECALVESE" ED I SUOI EQUIVOCI

liberatore

Montecalvo Irpino (AV) La tarantella napoletana nacque a Napoli ai primi del ‘700. A quel tempo le coppie si conoscevano tramite le famiglie. L'amore tra i giovani era platonico. Era molto difficile avere dei contatti, potevano solo guardarsi e sorridersi.I genitori accorgendosi delle simpatie reciproche tra i loro figli organizzavano delle festicciole che finivano sempre a tarallucci e vino (queste erano le loro possibilità!).

Sul finire delle festicciole c’era sempre la tarantella. Anche perché in quell’epoca nelle famiglie non mancava mai un mandolino e un tamburello. In seguito un grande maestro napoletano Raffaele Donnarumma musicò la prima tarantella. E man mano venne figurata con vari quadri che mascheravano dietro il ballo momenti in cui era possibile di guardarsi negli occhi o in viso, sentire i primi contatti fisici dove dalla stretta della mano stessa, si poteva capire l'intensità dell'amore che stava per nascere, fino ad abbracciarsi in girotondo facendo capire che la loro felicità in seguito si poteva trasfomare in amore. 

A tutt’oggi parecchie coppie di ballerini di tarantella si sono uniti in matrimonio. La tarantella in seguito si trasferì in quasi tutte le regioni e città del sud, così nacquero musicalmente le varie tarantelle, tra queste anche la “tarantella montecalvese”  che non si discosta molto da quella originale napoletana. Alcune variazioni musicali scaturiscono più da una sonorità tramandatasi nel tempo da musicisti provetti non capaci di leggere la musica e quindi la suonavano , come si suol dire, ad orecchio. Infatti nessuno mai ha pensato di annotare o riscrivere queste variazoni che nel corso del tempo hanno subito varie trasformazioni. In origine  la “tarantella” non nasce in ambienti agro-pastorali, piuttosto in ambienti piccoli borghesi-popolani per le ragioni sopra dette, dopodiché con la radicalizzazione nelle città e paesi del sud entra a far parte del mondo contadino arcaico ed entra di diritto nel folclore popolare meridionale. Percorso seguito anche dalla “tarantella montecalvese”, di cui della originale musicalità antica sono ancora in cerca gli appassionati e ricercatori locali che scavando nella memoria collettiva della antica civiltà contadina cercano di far riemergere spunti e note più vicine alla realtà delle origini. Quella che noi ascoltiamo oggi non è altro che una delle tante variazione della tarantella che , presumibilmente non si discosta molto da quella originale napoletana ma comunque ha in sé una musicalità ed un ritmo diverso che la differenzia dalle altre tarantelle meridionali. In più l’aggiunta di un testo vocale fa pensare che sia stata riscritta più a fine propagandistico che quello di una vera ricerca antropologica.
Modalità diverse sul modo di procedere nel recupero delle nostre tradizioni emergono nei testi , qui di seguito riportati, raccolti su facebbok, dopo la pubblicazione del video, su youtube,visibile a fine articolo.  

 

Nicola Serafino,  ex assessore  al Turismo Sviluppo e Promozione di Montecalvo
Irpino
Comunque non penso che zio liberato e la novità da voi scoperta e da anni che facciamo eventi e manifestazioni da tutte le parte e nella squadra zio liberato e parte fondamentale e da sempre da me sponsorizzata e promossa , basta vedere i v...ari documentari fatti su rai tre e anche con Geo & Geo .Debbo notare che si e molto distratti nel conoscere quello che si fa sul territorio .Comunque va bene , zio liberato e una parte di storia che sta passando ed e' una memoria straordinaria continuate a raccogliere le sue storie e i suoi ricordi sono fondamentali per segnare il passato. Se posso fare qualche suggerimento raccogliete i suo racconti e i passi della della sua vita vissuta, esempio come e' avvenuto il suo approccio con il ruganetto e come vivevano nel mondo rurale nel quando lui era giovanotto. Pensa che nel mese di agosto abbiamo partecipato con la presenza di zio liberato ad un matrimonio a Sapri dove alla sposa e stata portata la tipica serenata montecalvese.
 

 

Angelo Siciliano, scrittore e poeta di Montecalvo Irpino 

Quello che è stato divulgato in questi anni, anche attraverso le tivù, è un folk edulcorato, fasullo, lontano mille miglia dall'autenticità ormai perduta col tramonto e coll'affossamento della nostra civiltà agro-pastorale. Solo un analfabe...tismo culturale, glottologico, antropologico, etnografico e una riscrittura di canti volgari, estranei alla tradizione montecalvese, e una miopia più o meno diffusa possono far ritenere che tanti sforzi fatti abbiano colto nel segno e fatto rivivere qualcosa che non potrà mai più ritornare. Anche i costumi delle pacchiane sono una vera pacchianata. Certo, fanno colore ma sarebbe stato meglio andare alla ricerca dei costumi autentici delle nostre bisnonne - e chi conserva qualche foto antica può rendersi conto di quel che dico - per ripensare a un modo diverso di far vestire qualche gruppo nostrano che ha l'ardire di esibirsi in giro. E non sono cento o mille persone o un milione di telespettatori che possono attribuire la patente di autenticità a uno spettacolo che di autentico non potrà avere nulla. Certo è uno spettacolo e lo è come tanti altri, e basta frequentare i festival del folklore, nazionale o internazionale, per ampliare le proprie vedute - d'altronde il nostro paesello non è l'ombelico del mondo - per capire che di quella "radice autentica" non è rimasto quasi nulla. Insomma si fanno delle variazioni sul tema. Gli oltre 200 canti , compreso un poema cantato di 107 quartine, che ho raccolto in paese in decenni di ricerca sul campo, mi mettono nelle condizioni di emettere questo severo giudizio.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna