• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Dom12152019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Territori Tutte le Notizie Miscano Usi e Costumi

Le bolle della Malvizza, tra geologia e mito

bolle_malvizza_185x115Montecalvo Irpino (AV) - Viene così chiamato un luogo in cui si manifesta un fenomeno di vulcanesimo minore con fango perennemente ribollente. Nelle immediate vicinanze di questo posto dal nome un po' sinistro sorgeva un tempio italico molto probabilmente dedicato alla dea Mephites, divinità importante nel pantheon sannita.

Casalbore: Una stazione della via Sacra Langobardorum

casalbore_grotta_san_michele_ingresso_185x115Casalbore (AV) - Una spada alzata e pronta a esser calata per un fendente, in mano a un arcangelo che schiaccia con il piede il capo di Satana steso a terra: era questo il simulacro sacro, e guerresco insieme, verso cui i longobardi istallatisi in Italia subito dopo la metà del VI sec. accorrevano ogni anno,

IL MISCANO E LA SUA VALLE

miscano3_185x115I fiumi ci affascinano non solo perché possiamo immaginare con qualche fondamento che hanno cominciato a scorrere in un particolare luogo, si può dire, da sempre. Un sempre non infinito ma che può essere esteso nel passato sino a centinaia di migliaia di anni fa,

Greci (Katundi), comunità albofona del Miscano

gb3bQuasi all’inizio della valle del nostro eternamente secco Miscano, sulla sua riva sinistra d’alta quota, sorge su un giogo del monte Rovitello, di quasi mille metri, Greci. Leggendo da sinistra a destra il nostro titolo, i due nomi del paese esprimono quasi in emblema nobiliare il suo sviluppo storico.

Sentieri della Memoria. Vita e mestieri dei trappetari.

montecalvo_rione_trappeto_acquerello_185x115Montecalvo Irpino (AV), il giorno al Trappeto iniziava all’alba per la maggior parte dei suoi abitanti. A quell’ora, infatti, i contadini si levavano per andare a lavorare nei campi. Bardato l’asino o il mulo, preparata la colazione-pranzo, legati il maiale e le pecore “da purtà fóre” (condurre al pascolo in campagna), assicurati gli attrezzi da lavoro al basto,