• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Gio01172019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Territori Tutte le Notizie Miscano Usi e Costumi Casalbore: Una stazione della via Sacra Langobardorum

Casalbore: Una stazione della via Sacra Langobardorum

casalbore_grotta_san_michele_ingresso_185x115
casalbore_grotta_san_michele_altare_185x115
casalbore_grotta_san_michele_esterno_185x115
casalbore_grotta_san_michele_interno1_185x115
Casalbore (AV) - Una spada alzata e pronta a esser calata per un fendente, in mano a un arcangelo che schiaccia con il piede il capo di Satana steso a terra: era questo il simulacro sacro, e guerresco insieme, verso cui i longobardi istallatisi in Italia subito dopo la metà del VI sec. accorrevano ogni anno,

ai primi del mese di maggio, lungo quella che venne chiamata VIA SACRA LANGOBARDORUM.
Il santuario ipogeo di San Michele Arcangelo era sorto nei pressi del luogo del Gargano (nell'attuale Monte Sant'Angelo) in cui Grimoaldo, prima duca di Benevento e poi, nel 676, re di tutti i longobardi, aveva sconfitto i bizantini grazie alla partecipazione alla battaglia dell'Arcangelo Michele schieratosi a spada sguainata dalla sua parte.
I longobardi di Benevento, secondo alcuni studiosi, furono forse i primi guerrieri di quella nazione a penetrare in Italia e a giungere nei territori meridionali. Prima ancora che Alboino iniziasse la vera e propria invasione dell'Italia, seguito dal grosso della sua gente, e attraversasse le Alpi Orientali conquistando Forum Iulii (l'attuale Cividale), all'inizio di aprile del 568. I longobardi giunti a Benevento guidati da Zottone, anche se erano cristiani di fede ariana come gli altri loro connazionali (che costituiranno il Regno al Nord e l'altro ducato a Spoleto) resteranno legati più a lungo degli altri alle credenze tradizionali germaniche. Nella Vita Barbati Episcopi Beneventani viene narrato che i guerrieri di quel ducato, per cementare i legami nei loro gruppi combattenti, gareggiavano in una prova in cui tentavano di colpire dai loro cavalli lanciati al galoppo una pelle di vipera sospesa a un albero (un noce?) che alla fine essi spartivano religiosamente mangiandone un pezzetto ciascuno.
Si ritiene che riuscisse alquanto agevole ai monaci del monastero di Montecassino (in un primo tempo saccheggiato selvaggiamente e poi colmato di doni preziosi da parte dei nuovi dominatori del territorio) convincere quei barbari semi-cristianizzati che il loro dio Wodan (o Odino) fosse in realtà l'Arcangelo Michele che spesso si metteva alla testa del loro esercito (v. ERCHEMBERTO, De apparitione Sancti Michaelis, in MGH, SS rer. Lang. et Ital. , pp. 541 e segg.)
Il pellegrinaggio in devozione di San Michele, all'origine svolgentesi tra Benevento e Monte Sant'Angelo, si estese nel corso del tempo a tutti i territori italiani sotto il dominio longobardo, sino a giungere a Monte Saint Michel, in Francia, diventato poi esso stesso luogo di devozione all'arcangelo. 

 

Qui presentiamo una chiesa-grotta dedicata a San Michele esistente nel territorio di Casalbore, nel cuore della valle del Miscano, venuta alla luce nel 1700, in seguito a un evento ritenuto miracoloso in base a una leggenda religiosa locale. Un bel giorno di primavera, una mucca che pascolava in un prato nei pressi della cava di pietra di quel paese cadde in una buca del terreno coperta dall'erba. Il contadino, calatosi subito nella buca, scoprì la grotta e trovò illesa la sua mucca grazie all'intervento miracoloso dell'arcangelo Michele. Questa la leggenda. La nostra ipotesi è che la grotta, rimasta coperta per secoli sotto i materiali di riporto della vicina cava, fosse dedicata al culto di San Michele già da prima della scoperta fortuita del 1700 e risalisse per lo meno al VII o VIII secolo, quando Casalbore sarà diventata con ogni probabilità un luogo di sosta e devozione lungo il percorso della Via Sacra Langobardorum. Casalbore è stata da sempre una importante stazione del tratturo nato in epoche preistoriche a cui è stato dato il nome relativamente recente di "Pescasseroli-Candela" (v. la nostra scheda su "Le Bolle della Malvizza/Storia"). Niente di più probabile - dato l'importante indizio della chiesa-grotta di Casalbore - che nell'epoca in cui cominciarono a diventare non percorribili per abbandono le antiche vie consolari e imperiali della zona i cavalieri longobardi preferissero percorrere per il loro pellegrinaggio verso le Puglie l'antico tratturo, anziché la Via Traiana che passa a valle di Casalbore. Questa comunità di origine sannita è inoltre ricca di fontane ed era anche allora certamente un importante punto di scambio tra i pastori della transumanza e i contadini del posto.
Nella nostra PHOTO GALLERY riportiamo alcune immagini della chiesa-grotta di Casalbore e il caseggiato signorile che la ingloba, edificato all'epoca della scoperta del luogo di culto nel 1700.
Resterebbe da studiare la probabile esistenza di percorsi alternativi a quello del tratturo passante per Casalbore, data l'esistenza nelle due valli del Miscano e dell'Ufita, convergenti verso Benevento, di alcuni indizi nella toponomastica locale e di luoghi sacri dedicati alla devozione di San Michele. Questi indizi, però, sono troppo scarsi e casuali per permetterci di formulare una ipotesi coerente.

 

Ringraziamo per l'aiuto ricevuto nel raccogliere le informazioni e per visitare la chiesa di Casalbore, il dott Fernando Jorio, di Buonalbergo, la famiglia De Matteis, proprietaria della chiesa, e il sig. Vittorino e famiglia, custodi della stessa.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna