• Irpino.It
  • Home
  • Politica
  • Attualità
  • Cultura
  • Cronaca
  • Città
  • Territori
  • Sport
  • Multimedia
  • Speciali

Lun10212019

Last updateVen, 15 Gen 2016 10pm

Font Size

SCREEN

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Feed

Back Sei qui: Home Territori Tutte le Notizie Miscano Usi e Costumi Greci (Katundi), comunità albofona del Miscano

Greci (Katundi), comunità albofona del Miscano

gb3b
Quasi all’inizio della valle del nostro eternamente secco Miscano, sulla sua riva sinistra d’alta quota, sorge su un giogo del monte Rovitello, di quasi mille metri, Greci. Leggendo da sinistra a destra il nostro titolo, i due nomi del paese esprimono quasi in emblema nobiliare il suo sviluppo storico.
Greci venne fondata nel 535 d. C., dal generale bizantino Belisario, come presidio militare di soldati di lingua greca durante le guerre gotiche-bizantine all’inizio del VI sec.; successivamente, servì, sempre alle truppe imperiali d’Oriente, nelle ultime loro resistenze contro l’espansione del ducato longobardo di Benevento, alla fine del VI e all’inizio del VII.  
Venne abbandonata come presidio fortificato nel 968, quando fu distrutta da un’incursione saracena contro i territori longobardi beneventani.
Sui suoi ruderi, dopo quasi cinque secoli, sorse la comunità che soltanto ufficialmente conserva il suo antico toponimo di Greci, ma che su un migliore fondamento storico ed etnografico sarebbe meglio denominare con il termine albanese di “Katundi” ( il mio villaggio). Del resto, così chiamano affettuosamente Greci i suoi attuali abitanti. Katundi fu infatti ricostruita interamente quando alcune famiglie di guerrieri albanesi ottennero in feudo il paese e il territorio circonvicino dal re di Napoli Ferdinando I d’Aragona, per riconoscenza di quel sovrano verso Giorgio Castriota - Scandeberg che salvò con i suoi cavalieri dalla rotta le truppe reali napoletane nella battaglia di Orsara di Puglia contro gli angioini, nel 1461. Agli inizi del secolo successivo, la comunità d’origine si infoltì notevolmente con l’arrivo di circa sessanta famiglie di connazionali da Castelluccio dei Sauri, della vicina piana pugliese.

 

Nel corso del tempo, Greci-Katundi ha continuato sino ai tempi moderni recenti il suo compito di paese fortificato, nelle varie vicende di invasioni provenienti dalla pianura pugliese, in un sistema difensivo territoriale che abbraccia altri comuni, abitati da gente di tradizione militare di origine dalmata, francona, slava, ecc., dislocati sugli ultimi monti dauni e nei valichi aperti dai fiumi locali. Greci in particolare è a guardia del passo del Cervaro sul quale strapiomba il suo ripido crinale del Breggo.
Katundi oggi.
La nostra prima costatazione sul paese attuale ha una coloritura di mestizia, perché la sua popolazione sta diventando sempre più scarsa a causa della forte emigrazione e l’invecchiamento dei residenti. Le conseguenze sono uno spopolamento, che l’estrema cura con cui è mantenuto il centro storico, magnificamente restaurato, nasconde; anzi, arricchisce di echi evocatori dei tempi gloriosi del passato. Per cui, percorrendo le sue strette vie, tutte lastricate con pietra di lava e a gradoni con motivi a mosaico, e dai portali e riquadri di finestre, i pianerottoli, i ballatoi e i gradini esterni delle facciate in pietra scolpita di Casalbore, le facciate intonacate di fresco, non ci si rende subito conto che la popolazione stabilmente residente si è ridotta negli ultimi tempi a poche famiglie. Questo però è evidente a chi la visita spesso; cosa che dà un senso di sconforto perché prova che il paese è abitato totalmente soltanto in occasione del ritorno provvisorio degli emigrati durante il periodo estivo. 
Un ricordo personale recente. Quando, nel centro deserto del mezzogiorno un topo mi era venuto tra i piedi e mi guardava, avevo dato per scontato che lui e i suoi simili si fossero disabituati alla presenza umana, pur se in un ambiente così ben tenuto dall’uomo. Era invece soltanto una vittima della derattizzazione comunale al quale espressi la mia compassione inter-specie fotografandolo.
Delle tradizioni del Paese d’origine, Katundi mantiene, oltre che una qualità di vita diversa rispetto a quella dei paesi circonvicini (migliore, secondo me), la lingua, la religiosità e un rito tra il sacro e il profano in cui viene rivissuto il dramma del martirio di San Bartolomeo Apostolo.
Da alcuni anni conosco l’insegnante delle elementari Maria Natalina Poppa, che svolge un po’ il ruolo di guardiana spirituale della cultura albanese a Greci. Mi regalò un anno un quaderno stampato in cui lei e i suoi alunni avevano raccolto modi di dire, riti matrimoniali, filastrocche, canti e proverbi nella varietà albanese del ceppo tosco preservatesi sino ai nostri giorni, ma che purtroppo parlano abitualmente soltanto gli anziani. 
La religiosità grecese è centrata sulla devozione alla Madonna del Caroseno e a San Bartolomeo Apostolo. L’immagine della Madonna rientra in quel gruppo di simulacri sacri che in varie località italiane trovarono rifugio per sottrarle all’invasione turca dei Balcani e della Grecia. Ma verso questa madonna la devozione paesana è molto forte, come testimonia il nome che significa più o meno “Madonna di là dal Mare Adriatico” in ricordo della patria lontana.
Il dramma sacro di San Bartolomeo viene diviso. durante il giorno festivo del santo, il 25 agosto, in due parti. Una svolgentesi la mattina e un’altra la sera su un palcoscenico eretto sulla piazza principale. Secondo me, la recitazione del mattino è la parte più antica e autentica della tradizione, poiché consiste in un inseguimento a cavallo dell’attore che interpreta il santo giù per il ripidissimo sentiero del Rovitello e attraverso le viuzze cittadine, cosa che evidentemente si riallaccia alle tradizioni guerresche dei padri che i giovani hanno continuato a praticare in un contesto soltanto a metà devozionale-religioso. La sera, invece, il dramma, diventa una recitazione teatrale vera e propria di un testo scritto dall’abate Luigi Lauda (1824-1892), nella seconda metà dell’Ottocento.
In base a un’informazione per la quale non abbiamo trovato riscontri in documenti scritti, i cavalieri albanesi gareggiavano in passato anche giù per il crinale ripidissimo che dall’attuale parco pubblico del Breggo, scende sino alla gola del fiume Cervaro, presso la stazione ferroviaria di Savignano - Greci.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna