Politica

  • Comunicato stampa,  Politica,  Verso le elezioni amministrative del 2024

    Montecalvo Unito – Comunicato stampa – 20/02/2024

    Gaetano Parzanese

    Il Segretario del circolo del Partito Democratico di Montecalvo Irpino, Giuseppe Ruccio, ha sottolineato l’importanza dell’unità per il progresso del paese, un concetto con il quale concordo pienamente. È per questo motivo che ho avviato l’iniziativa della lista “Montecalvo Unito”, presentata già durante la prima conferenza stampa del 10 dicembre. Va notato che il Segretario Ruccio, parla di una situazione attualmente critica per il paese, un tema simile a quanto recentemente espresso dal Dott. Pizzillo. Tuttavia, è essenziale ricordare che coloro che oggi invocano l’unità sono stati coloro che hanno governato il paese negli ultimi 15 anni. Durante la legislatura di Pizzillo dal 2009 al 2014, abbiamo assistito al dichiarato dissesto finanziario, alla mobilità di 12 dipendenti e all’inizio di una serie di denunce, questioni che ancora oggi l’amministrazione attuale si trova ad affrontare. I cittadini non desiderano questa situazione; al contrario, come cittadino anch’io auspico una comunità pacifica, con un alleggerimento dei costi della vita e soprattutto il ripristino di una vita sociale senza conflitti. Mi domando se la creazione di una lista unica possa veramente risolvere tutti i problemi accumulati in questi anni. Personalmente, non credo proprio; anzi, mi sembra più simile a una forma di regime. L’assenza di un’opposizione equivarrebbe a non rappresentare tutte le sfumature di opinioni che non erano favorevoli a determinate scelte o programmi politici, il che si tradurrebbe in una negazione dei principi democratici. Pertanto, mi chiedo ancora una volta: come può un paese essere unito se non rappresenta appieno sé stesso nella sua varietà? Comprendo che negli ultimi anni fare opposizione sia stato spesso associato a denunce o rifiuti preconcetti, ma non dovrebbe essere così. L’opposizione dovrebbe invece vigilare sull’operato dell’amministrazione, proporre nuove idee e anche sostenere progetti che favoriscano il bene comune, poiché è ciò che conta veramente. Il problema non risiede nella presenza o nell’assenza di una lista unitaria o di liste multiple, bensì nel fatto che troppo spesso gli interessi dei cittadini sono stati trascurati a vantaggio di interessi individuali, contribuendo così alla disgregazione sociale che sperimentiamo oggi. La mia candidatura a sindaco oggi porta con sé nuove e influenti figure, provenienti da diversi ambiti, che abbracciano sia quello lavorativo che quello sociale. Questo per promuovere il ritorno di un Montecalvo unito, dove la collaborazione e la diversità sono viste come punti di forza.

  • Comunicato stampa,  Politica,  Verso le elezioni amministrative del 2024

    Montecalvo Unito – Comunicato stampa – 06/02/2024

    Redazione

    Sotto la guida del candidato Sindaco Geom. Gaetano Parzanese, la lista Montecalvo Unito sta consolidando la propria posizione con determinazione. Grazie alla solida rete di contatti, negli ultimi giorni si sono uniti al gruppo personalità di spicco della comunità, tra cui Igino Tufo e altri suoi stimati amici. Queste nuove adesioni conferiscono al nostro progetto una maggiore dinamicità e lo preparano ad affrontare i cambiamenti necessari nei vertici, mantenendo al contempo coesione e rispetto reciproco. Queste qualità sono fondamentali per la ripartenza del nostro paese e costituiscono pilastri essenziali per il successo del nostro gruppo.

    È quasi un’armonia cosmica, in cui la vera novità risiede proprio in Montecalvo Unito: dal candidato Sindaco fino a ogni membro della lista, sono tutti pronti ad affrontare le sfide del nostro paese e a dare nuova linfa alla nostra splendida comunità. Questo momento è cruciale, soprattutto dopo 15 anni di stagnazione, come afferma il candidato Pizzillo, che definisce la situazione attuale come “una crisi strutturale estremamente severa”. Al contrario, parlare di novità riferendosi alla lista Pizzillo sembra riduttivo, dato che essa è composta da membri storici che hanno ricoperto ruoli di rilievo nella nostra municipalità per oltre un ventennio. Chiunque cerchi veramente cambiamento e innovazione li troverà sostenendo la lista Montecalvo Unito.

  • Cronaca,  Politica

    Dissesto a Montecalvo, quattordici ex amministratori rinviati a giudizio

    Redazione

    [Edito 21/04/1013] Montecalvo Irpino AV –  Quattordici ex consiglieri e assessori dell’amministrazione guidata da Giancarlo Di Rubbo sono stati rinviati a giudizio dal Gup del Tribunale di Ariano Irpino Antonella Lariccia per falso in atto pubblico, nell’ambito dell’inchiesta coordinata dal pm della Procura della Repubblica di Ariano Irpino, Marina Campidoglio, che nel giugno del 2010 aveva firmato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari nei loro confronti.

    Oltre agli ex amministratori di maggioranza, sono coinvolti anche Walter Palermo, in qualità di revisore dei conti, insieme al funzionario comunale responsabile dei servizi finanziari. I fatti contestati dalla Procura della Repubblica di Ariano Irpino si incentrano sui bilanci del Comune riferiti agli anni 2005, 2006, 2007, 2008 e 2009. In particolare il Sostituto Procuratore Marina Campidoglio contesta l’approvazione dei bilanci stessi.

    Un’inchiesta nata dopo la dichiarazione del dissesto finanziario da parte dell’ente. Per la Procura, questione condivisa anche dal Gup, che ha mandato tutti a giudizio: «allo scopo di evitare che si procedesse allo scioglimento del Consiglio Comunale per la mancata adozione dei provvedimenti di salvaguardia degli equilibri di bilancio e che venisse dichiarato lo stato di dissesto finanziario del Comune di Montecalvo I., evenienza questa che avrebbe determinato le decadenze ed incompatibilità per gli amministratori ritenuti responsabili dei danni ed il conseguente, irrimediabile, pregiudizio della loro attività politica ed amministrativa, intenzionalmente si procuravano un ingiusto vantaggio patrimoniale, connesso al permanere, pur in una situazione di dissesto, negli incarichi e nelle funzioni rispettivamente coperte, in danno del Comune».

    In buona sostanza viene contestata proprio la mancanza di condizioni per cui l’amministrazione avrebbe potuto portare in aula e votare i bilanci che sono finiti nel mirino dei pm. [Nativo]

  • Politica,  Verso le elezioni amministrative del 2024

    Il ritorno alla politica di Carlo Pizzillo

    Francesco Cardinale

    Montecalvo Irpino AV – Con l’entrata in campo del Dott. Carlo Pizzillo, lo scenario politico in vista delle prossime amministrative entra nel vivo. Pizzillo, per la presentazione del suo nuovo progetto politico, ha scelto l’agriturismo Le Bolle della Malvizza, proprio lì dove circa venti anni fa aveva fondato il movimento civico “La Campana”, che lo portò all’elezione a sindaco durante le amministrative di giugno 2009.
    Almeno cinquanta persone sono accorse ad ascoltarlo. Tra i presenti, il movimento “Consenso Civico” fondato dall’Avv. Giuseppe De Cillis, il gruppo “La Rondinella”, e alcuni noti imprenditori locali; questi e altri politici non ancora ben delineati dovrebbero convergere nel nuovo soggetto di cui  ieri sera è stato presentato il simbolo: L’ Orologio , con la scritta “Montecalvo Domani – Carlo Pizzillo Sindaco”.
    Pizzillo ha preso la parola per pochi minuti, con un tono pacato, quasi dimesso, tutto sommato sobrio. Probabilmente, questo approccio umile a significare la gravità del momento. Il suo intervento, tra l’altro, si è focalizzato sulla desertificazione in atto nella nostra piccola comunità. Non è più un mistero che da qualche anno i decessi superano le nascite. Per cui, a meno di eventi straordinari, Montecalvo, al pari di Greci, Savignano e Montaguto, i nostri paesi vicini sul versante pugliese, sarà destinato a privarsi dei servizi essenziali che lo caratterizzano come paese.
    I primi servizi a venir meno potrebbero essere le scuole.
    Infatti, per garantire un’adeguata istruzione ai loro figli, i genitori dei bambini nei paesi sopra menzionati devono percorrere parecchi chilometri ogni mattina per raggiungere l’istituto scolastico più vicino, che si trova ad Orsara. È questo lo spettro con il quale Montecalvo deve  fare i conti negli anni a venire. Chi si aspettava un attacco critico sull’attuale operato amministrativo sarà rimasto deluso. Sembra che la linea da seguire sia incentrata su una visione politica dell’immediato, piuttosto che su ciò che andava fatto e non è stato realizzato.

  • Comunicato stampa,  Politica,  Verso le elezioni amministrative del 2024

    Montecalvo Unito – Comunicato stampa – 15/01/2024

    Redazione

    Gaetano Parzanese – Montecalvo Unito

    Montecalvo Irpino AV – La serata del 14 gennaio, corrente mese, ha visto il Gruppo “Montecalvo Unito” partecipare a un incontro con un potenziale candidato, valutando la sua possibile inclusione nella lista.

    Il  candidato, il quale confermerà la sua partecipazione al gruppo entro la fine della settimana, inizialmente era stato contattato dal Gruppo “La Rondinella” per una possibile candidatura a Sindaco. Dopo approfondite consultazioni, il Gruppo “La Rondinella” ha però deciso di proporre il Dott. Pizzillo come candidato alla carica di Sindaco. Va notato che il Dott. Pizzillo aveva precedentemente ricoperto l’incarico di Sindaco nel 2009, eletto con il gruppo “La Campana”, considerato all’epoca un contendente della “Rondinella”. Curiosamente, oggi il Dott. Pizzillo si presenta come candidato a Sindaco proprio all’interno del Gruppo “La Rondinella”.

    In questa fase, “Montecalvo Unito” ha avanzato la proposta di un ruolo di rilievo nella lista, per colui che doveva essere un ruolo di rilievo per “La Rondinella” e se tale proposta venisse confermata, rappresenterebbe un notevole colpo strategico.

    Sta quindi emergendo sempre più chiaramente una competizione a tre contendenti, in cui al momento, solo l’attuale Sindaco, Mirko Iorillo, non ha ancora ufficializzato la sua intenzione a ricandidarsi alle prossime elezioni.

  • Comunicato stampa,  Politica

    Comunicato stampa della “Campana”

    G. Stiscia

    [Ed. 04/05/2010] Montecalvo Irpino AV – Nella riunione di Giunta Comunale del 22.4.2010, avuta la presenza di tutti gli assessori comunali, si è verificato un episodio che, sotto il profilo amministrativo e politico, non può che essere considerato di gravità estrema. Sulla proposta di deliberazione in ordine alla rideterminazione della pianta organica con personale in eccedenza e approvazione programma triennale fabbisogno di personale, gli Assessori Giuseppe Stiscia e Antonio D’Addona si sono astenuti, il tutto dopo che fosse stato abbondantemente chiarito che le due deliberazioni erano preordinate all’approvazione dell’ipotesi di bilancio riequilibrato a seguito del dichiarato dissesto finanziario dell’Ente. La posizione degli assessori astenuti ha messo a serio rischio non solo e non tanto la vita dell’Amministrazione in carica, ma soprattutto la prospettiva di ripresa e corretta gestione del Comune e, con esso, della popolazione montecalvese. Quanto accaduto ha determinato il venir meno del  rapporto di fiducia che deve intercorrere tra il primo cittadino e gli assessori comunali, imponendo al Sindaco, a tutela dell’interesse comunale, di adottare l’unico provvedimento possibile, la revoca della nomina di Giuseppe Stiscia e Antonio D’Addona ad Assessore del Comune di Montecalvo Irpino. Il provvedimento è stato notificato agli interessati il 24.4.2010.

    La decisione del Sindaco ha trovato il sostegno netto ed incondizionato degli assessori, dei consiglieri comunali di maggioranza nonché dei candidati non eletti della lista de “La Campana”.

    Redazione

  • Comunicato stampa,  Politica

    …E NOI PAGHIAMO

    Comunicato stampa: I consiglieri comunali del gruppo politico Unione Popolare Montecalvo

    [Edito 29/07/2023] Montecalvo Irpino AV – Cari cittadini, l’Amministrazione Comunale contrae DEBITI… e A PAGARLI SIAMO SEMPRE NOI!!

    La strada delle banche e degli istituti di credito è diventata troppo familiare al nostri amministratori: mutui milionari per servizi non essenziali, mutui per strutture sportive prive di agibilità, mutui per rifare un’ennesima volta piazza Vittoria.

    Le cifre sono alte!!!

    Per citarne alcuni, gravano sulle nostre spalle:

    1. Euro 911.916,83: Anticipazione di liquidità per pagare debiti contratti con Irpiniambiente per il servizio fornito (si giustifica il ricorso al prestito con la carenza delle risorse finanziare dell’Ente, ma dagli atti risulta che il Comune aveva già riscosso dai cittadini per il servizio TARI la somma di euro 931.416,85)
    2. Euro 610.000: Mutuo per rifacimento del manto del campo da calcio e messa in sicurezza degli spogliatoi dell’ impianto sportivo comunale “Luigi Cucchi” (ma il campo è sprovvisto di vie di accesso e di uscita regolamentari), e come se non bastassero, altri 6600 euro per la potatura degli alberi sul perimetro del campo;
    3. Euro 350.000: Mutuo per il rifacimento di Piazza Vittoria (l’ennesimo rifacimento).

    Senza dimenticare quelli che paghiamo già da anni di euro 416.495,90 e di euro 234.646,11 per prestiti relative a debiti pregressi, per i quali il Comune paga ogni anno euro 30.410,40 di cui euro 18.489,23 per sorta capitale ed euro 11.921,17 per interessi.

    TOTALE DEBITI EURO 2.523.058,84

    Cittadini, non bastano più i PNRR per finanziare “il superfluo”, bisogna anche ricorrere ALL’INDEBITAMENTO!!!!!!!

    Ma si… l’importante è creare L’ILLUSIONE DI UN’AMMINISTRAZIONE OPEROSA, poco importa se le priorità sono altre!! Strade dissestate e impraticabili, inefficienza dei servizi essenziali (vedi spazzamento e raccolta rifiuti, emergenza idrica…), mancanza di un piano di sviluppo agricolo e commerciale nonché di progetti di investimento per il futuro… e chi più ne ha più ne metta!

    La logica dell’apparire prevarica quella della sostanza E I CITTADINI NE PAGANO LE SPESE!!

    Redazione

  • Politica,  Verso le elezioni amministrative del 2024

    Gaetano Parzanese annuncia la propria candidatura a sindaco

    Francesco Cardinale

    Prime avvisaglie di una campagna elettorale che ci condurrà alle elezioni amministrative del 2024
    Montecalvo Irpino AV – Mancano pochi mesi alle elezioni amministrative, la data probabile è quella che va dal 6 al 9 giugno 2024, in concomitanza con le elezioni europee, per il rinnovo del consiglio comunale. Ecco le prime avvisaglie di una campagna elettorale che coinvolgerà oltre tremila cittadini montecalvesi.

    Il primo ad uscire allo scoperto è stato il geometra Gaetano Parzanese che, nella sala adiacente la Chiesa di San Bartolomeo, attraverso la conferenza stampa tenutasi questa sera, ha annunciato la propria candidatura a sindaco.

    Il nome della lista scelto da Parzanese, “Montecalvo Unito”, dovrebbe far capo a un movimento civico fuori dalle logiche partitiche con componenti che si candidano per la prima volta.

    Pazanese, sollecitato dalle domande della moderatrice, ha posto come obiettivi gli annosi problemi che attanagliano da sempre la nostra piccola comunità: viabilità, “siamo fermi agli asfalti di Felice Aucelli”, rete idrica, “un chilometro all’anno e avremmo una tubazione nuova”, turismo, desertificazione e spopolamento in atto, e altre tematiche come la mancanza di confronto politico periodico con i cittadini e l’unità del paese. Alla domanda su un giudizio critico sull’attuale amministrazione, ha preferito defilarsi rimandandolo ai prossimi appuntamenti.

    Al di là di ogni considerazione tecnica, come evidenziato da uno dei presenti, riguardo alla fattibilità di una candidatura a sindaco e alle sue implicazioni, ciò che ha sorpreso, visto l’alto numero di partecipanti, è la viva partecipazione dei montecalvesi al dibattito sulle questioni politiche del paese.

  • Cronaca,  Politica

    Le scelte difficili (da condividere)

    Carlo Pzzillo

    Case sul versante di Viale Europa, già “Ditta Salice”

    [Ed 12/06/2008] L’amministrazione comunale di Montecalvo Irpino ha deciso, per far fronte ad una gravissima crisi finanziaria, di procedere alla vendita di alcuni fabbricati per civile abitazione di proprietà comunale. Tali unità abitative, costruite con finanziamenti regionali, hanno risanato un quartiere- “Ditta Salice” o meglio San Pietro- del nostro paese dove dal terremoto del 1930 erano insediate le cosiddette “casette asismiche”.
    In quella specie di abitazioni sono vissute generazioni di Montecalvesi, si sono formati nuclei familiari che, in carenza di case e con scarse possibilità economiche, hanno trovato il loro primo tetto. Gran parte di queste persone, per lo più anziane e con alle spalle decenni di vita in abitazioni fatiscenti, da poco più di 4 anni avevano potute trovare una sistemazione decente, in una abitazione degna di tale nome.
    Ma il sogno è già finito? Questi nostri amministratori, per porre rimedio ad un modo scellerato di amministrare che ha prodotto una montagna di debiti , di cui allo stato non si può neanche quantificarne con precisione l’entità, decide di procedere alla vendita con un’asta a pubblico incanto.

  • Politica

    Lettera aperta del Consigliere Comunale Avv. De Cillis

    [Ed. 14/06/2008] Lo slogan veltroniano del “si può fare” sembra abbia coinvolto a tal punto il popolo dei democratici da indurlo a riconsiderare in termini di relatività le distanze siderali che nell‘ultimo quadriennio hanno contraddistinto le posizioni delle forze rappresentate in Consiglio comunale.

    Ciò avviene, paradossalmente, nel momento in cui il solco tra maggioranza ed opposizione si manifesta in tutta la sua più profonda invalicabilità nell’ora in cui si impone come non mai l’esigenza di chiarezza e verità. Scimmiottando gli slogans della politica nazionale, mi verrebbe da rivolgermi ai Montecalvesi per dir loro “risollevati Montecalvo” ma so bene che non è di slogans che abbiamo bisogno.

    E’ giunto il momento, per tutti, di assumersi le responsabilità e la soluzione non può essere “l’inciucio “.

    La scellerata conduzione amministrativa comincia a dare i suoi primi, nefasti effetti, e già all’orizzonte si intravede, per i cittadini, un futuro di lacrime e sangue.

    Le casse comunali, per troppo tempo assaltate da una gestione incompetente e clientelare, sono praticamente vuote. Chi ha sbagliato, probabilmente, pagherà di persona, ma il Paese ha bisogno di essere amministrato, governato, guidato, salvato.
    Ciò non può avvenire puramente e semplicemente allargando la maggioranza, perché si finirebbe solo per coprire vecchie e nuove magagne, con l’aggravante di privare il Paese di un ‘opposizione che, fino a prova contrario, ha dimostrato di saper svolgere con puntualità, competenza e passione il suo ruolo.