Ambiente

  • Ambiente

    L’Occhio del Diavolo

    Mario Sorrentino

    [Ed. 24/11/2007] Montecalvo Irpino AV – Sono andato di recente insieme a Gaetano Caccese, un animatore culturale di Ariano, ma con radici montecalvesi, e un suo amico, Antonio Bufano, che fungeva da guida “indigena”, a fare un’escursione durante la quale Gaetano ed Antonio dovevano completare un sentiero che partendo dal greto verso nord/est del ruscello Miscanello ai piedi del calanco di Ripa della Conca (un’altissima parete di roccia a circa duecento e più metri di dislivello dall’ex ospedale di Santa Caterina) prima salendo sul ciglio del fosso e poi percorrendolo lungo una pista segnata dai cinghiali, dovrebbe giungere alla fine del fosso digradante a sud/ovest e tornare più o meno al punto di partenza, seguendo il greto dello stesso torrente Miscanello.
    Il percorso però non si è potuto completare per la mancanza di tempo e soprattutto per le difficoltà ad aprirsi una via agevole attraverso un intrigo vegetale di rovi, tronchi caduti di traverso, canneti in decomposizione, ecc. – una cosa peggiore della giungla tropicale.
    Siamo però giunti sino al punto in cui il ciglione digrada sin quasi al letto del ruscello, all’altra estremità della ripa. E qui Antonio si è prodotto in una impresa da equilibrista pazzo, scendendo lungo l’ultima fragilissima cresta cretacea che si stacca dalla parete avendo ai lati degli strapiombi quasi verticali, E’ dovuto risalire perché Gaetano e lo stesso Antonio si sono ricordati che lo scopo dell’escursione era aprire un sentiero per tipi un po’ sportivi, sì, ma non pazzi spericolati..
    Siamo tornati al punto di partenza rifacendo grosso modo lo stesso cammino a ritroso.
    Questa la storia del percorso; mi resta però da descrivere le cose belle e anche bellissime viste laggiù. La parete stessa vista prima dal basso, e che offre prospettive sempre diverse e cangianti alla luce, a mano a amano che ci si avvicina, la si scala, passando a lato di una sonante cascata alta almeno venti metri di un’acqua un po’ sporca però, la quale (cosa incredibile per l’arida Montecalvo) faceva girare la ruota di un mulino ora scomparso, e poi la vista da capogiro delle creste che potevamo vedere sporgendoci dal ciglio.La meraviglia maggiore però ci è stata offerta da una cascatella laterale rispetto alla cascata più alta e copiosa. In quel momento la cascatella era povera d’acqua, che fuoriesce da un foro oblungo di una roccia stranamente dura e grigia (tipo di roccia chiamata dai geologi metamorfica, diversissima dalla roccia di arenaria dominante tutt’intorno e ricca di fossili marini – ed è detta sedimentaria). Il getto, sia pure scarsissimo, è di un’acqua densamente rossa, molto più rossa dell’acqua ferruginosa. Be’, quel foro nella roccia è l’occhio del Diavolo. Uno di noi tre neanche si è avvicinato perché crede come i nostri antenati che il posto è malefico e che lì si ritrovavano a trescare col Maligno streghe e “mavari”.
    A me sono piaciuti specialmente dei giganteschi pioppi che forse costituiscono lo scampolo rimasto della foresta fittissima che una volta ricopriva tutto il nostro monte, prima che si guadagnasse il triste nome di “calvo”. Saranno lì da millenni, se si pensa alla capacità inesausta degli alberi di riprodursi “via pollone”. Sempre che nessuno interrompa la catena, ovviamente. Ma questa è un’altra storia e molto lunga da raccontare qui. Una nota malinconica per finire: a un certo punto, Antonio ha guardato una macchia opposta alla ripa su cui stavamo allora e ci ha raccontato la morte di suo nonno precipitato insieme alla sua mula mentre scendeva al fiume. Foto A. Siciliano [Nativo]

  • Ambiente

    Cronaca di un disastro ambientale annunciato

    [Ed. 00/03/2004] Montecalvo Irpino AV – L’impatto che avrebbe provocato la vicinissima discarica in contrada Difesa Grande di Ariano Irpino sull’ambiente circostante lo si sapeva già da tempo. Ma con il trascorrere del tempo è diventato un problema di interesse generale nazionale. Dove un tempo si produceva grano per gran parte dell’Italia meridionale, d’improvviso fu deciso di stipare i rifiuti provenienti da tutta la regione campana, riconvertendo la zona ad una grande pattumiera nazionale. Vanamente ,gli agricoltori del luogo, già sul finire degli anni novanta avevano fatto le loro civile rimostranze verso quella che si sarebbe rivelata una scelta scellerata e catastrofica. Poco interesse, già allora come oggi, della classe politica dirigente che nulla poteva fare a salvaguardia dei cittadini arianesi contro una decisione presa sulla propria pelle. Vari i periodi di fermo dell’attività dello sversatoio, che anzi ogni volta riapriva sempre con maggiore quantità di rifiuti da compattare. Poco considerato il segnale di sconvolgimento sanitario e ambientale che anno dopo anno modificavano l’equilibrio del piccolo ecosistema della cittadina arianese e dei paesi limitrofi con l’aumento dell’insorgenza di malattie ed infezioni a danno di persone e animali fino ad arrivare alla grande protesta di questi giorni che vede la gente di questa parte d’Irpinia, schierata compatta, particolarmente agguerrita , questa volta,a porre fine a questa lunga e trascinante tragedia collettiva.
    Gli arianesi e non solo loro, non mollano. Non credono più alle promesse e capiscono, mantenendo una grande compostezza civile, che quella discarica ormai è da chiudere.

    Le scene di assedio forzato si ripetono ormai da giorni,e si moltiplicano in tutti quei punti di possibile transito per lo strisciante convoglio carico di liquame tossico. In mezzo ai presidi allestiti le fasce tricolori dei sindaci della zona si confondono tra la popolazione presente in tutte le sue componenti, la protesta adesso diventa una sfida e un messaggio unitario di all’erta allo Stato centralistico al momento ancora sordo al richiamo della gente di questa parte d’Irpinia. Ma la vittoria finale è ancora difficile da raggiungere,per ora resta il segnale di una grande manifestazione popolare contro la disattenzione della politica per il rispetto degli uomini e dell’ambiente. [Nativo]

    Alfonso Caccese

  • Ambiente

    Manifestazione Difesa Grande

    [Ed. 10/03/2004] Ariano Irpino AV –  Il problema della discarica di difesa grande era latente ed ha rappresentato uno dei problemi delle comunità appartenenti per vicinanza geografica all’area in questione. Un problema che già da diversi anni anni occupava i pensieri della cittadina del tricolle in  particolare. Finalmente qualcosa si è mosso.I cittadini Arianesi finalmente hanno preso coscienza della reale situazione e dopo anni di lunga ed interrotta mediazione hanno scelto di scendere in piazza ed appropriarsi del loro futuro.In questo la chiave delle manifestazioni che da circa 5 giorni stà  catalizzando la attenzione della cronaca nazionale. Anche oggi,10 marzo, la protesta è andata in scena con una partecipazione massiccia allargata,questa volta, anche ai rappresentanti dei comuni limitrofi. Dei nostri collaboratori erano presenti nella manifestazione odierna ed hanno potuto documentare sullo stato attuale della civica protesta. Ma oggi è stata anche la giornata della solidarietà. Infatti su un palco improvvisato hanno tenuto banco le dichiarazioni dei primi amministratori dei comuni vicini che in varie forme hanno espresso la loro solidarietà ed il loro incondizionato appoggio alla buona riuscita della manifestazione. Significativi gli interventi da parte dei vari sindaci che si sono avvicendati sul palco. Tra di loro anche il sindaco di Montecalvo Irpino, Alfonso Caccese, che in poche battute ha voluto significare tutto il contenuto della protesta con una semplice frase”Sono dalla vostra parte e lotterò con voi fino in fondo”. [Nativo]

    Redazione